giovedì 14 febbraio 2019


Andare a Borisov con i titolari per provare a chiuderla già all’andata?
Lasciare la lunga e faticosa trasferta ai giovani, per eventualmente recuperare poi in casa?
Scegliere una formazione mista, col rischio di non far riposare nessuno tra andata e ritorno?

Unai Emery deve effettuare una scelta strategica stasera, con il calendario che offre una situazione inusuale dal momento che non ci saranno impegni tra l’andata e il ritorno dei sedicesimi di Europa League.
Complici infatti gli ottavi di finale di FA Cup, in programma il prossimo weekend, ci ritroviamo a riposo tra le due sfide europee salvo poi giocare tre partite di campionato nello spazio di una settimana - tra cui il North London Derby a Wembley.

mercoledì 13 febbraio 2019


Il re dei tunnel. L’eterno incompiuto. Il Naija Boy. Il nostro Godot. L’ala. Il trequartista. La seconda punta. Venderlo, non sarà mai all’altezza. Puntare sul ragazzo del vivaio. Bidone. Futuro campione.

Tutto questo, nel bene e nel male, è Alex Iwobi.
Come Jack Wilshere, Emile Smith-Rowe, Eddie Nketiah e Reiss Nelson, è uscito dal vivaio dopo aver fatto tutta la trafila nelle giovanili; a differenza di Jack Wilshere, Emile Smith-Rowe, Eddie Nketiah e Reiss Nelson, non ha mai generato una grande eccitazione tra i tifosi.

Anzi.

martedì 12 febbraio 2019


Le persone silenziose sono quelle che hanno tanto da dire. Non stanno in silenzio per paura di parlare ma parlano solo con chi è in grado di capire.

Le persone silenziose sono quelle introverse che non necessitano di fare chiasso ad ogni costo, che meditano e riflettono prima di esporre un proprio pensiero, preferiscono ascoltare, comunicando con gli altri attraverso pochi gesti, concisi ed essenziali.
La maggior parte delle volte, questo aspetto riesce ad avere un peso specifico ben più grande rispetto a delle semplici parole. 

Mattéo Guendouzi, ha capito che questo atteggiamento può portarlo in alto, facendo a “spallate” col calcio inglese, sperando di diventare al più presto uno dei migliori.

lunedì 11 febbraio 2019


Raramente una vittoria ha creato più controversie.
In un weekend che ci ha avvicinati ulteriormente al quarto posto, ora distante solo un punto, a dominare il dibattito sono stati Unai Emery e soprattutto le sue scelte tattiche.

Sarà stato il gol incassato negli ultimi minuti della partita, sarà stato il dato del possesso palla largamente in favore dei nostri avversari, ultimi in classifica, oppure sarà semplicemente che - in quanto Gooners - sembriamo eternamente insoddisfatti ma l’umore non era dei migliori, sabato pomeriggio.

Il dibattito è nato da un tweet di Arseblog che recitava così: “Sostengo l’allenatore, capisco che abbia un lavoro difficile, capisco i tanti infortuni e le assenze di oggi, che non abbiamo investito durante il mercato di gennaio e tutto il resto, tuttavia trovo difficile godermi il calcio che giochiamo con Unai Emery”
Una presa di posizione che personalmente condivido in pieno ma che è stata interpretata a torto come un attacco all’allenatore basco, al quale invece Arseblog ha manifestato il proprio appoggio.

venerdì 8 febbraio 2019


Il quarto posto è lì, possiamo quasi toccarlo, ma senza una vittoria a casa dell’ultima in classifica rischia di allontanarsi ulteriormente.

Archiviata la prevedibile sconfitta rimediata a casa del Manchester City, per gli uomini di Unai Emery è tempo di concentrarsi sulla trasferta al John Smith’s Stadium, dove i padroni di casa proveranno ad arrestare una serie di tre sconfitte consecutive rimediate contro Chelsea (0-5), Everton (0-1) e Manchester City (0-3).
Sono in tutto dodici le partite senza la benché minima vittoria per l’Huddersfield Town e sono ben quarantotto anni che non perdiamo contro di loro - quindi direi che è tutto pronto per la sorpresona dell’anno!