02 dicembre 2020


Championship Manager 2001/02 è tornato.
La miglior simulazione manageriale mai creata è tornata improvvisamente di moda grazie alla finestra spazio-temporale aperta dal governo e dal popolo inglesi e la loro famigerata Brexit.

La data di non ritorno si avvicina e d’improvviso ritorno ai pomeriggi passati ad attendere invano che un potenziale nuovo acquisto dell’Arsenal ricevesse il tanto agognato Work Permit per poter essere tesserato; troppi trasferimenti saltati, troppe delusioni, troppe gemme dell’est europeo e del sudamerica a cui è stato impedito di vivere un sogno.

Eccoci di nuovo qui, vent’anni dopo, grazie alla Brexit.

01 dicembre 2020


Terza sconfitta interna consecutiva in Premier League e tanti brutti presagi.
La sfida interna contro i Wolves lascia un retrogusto molto amaro in bocca, sia per il risultato che per la prestazione, collettiva e individuale.

In un impeto di sadomasochismo, mi sono inflitto l’inutile penitenza di riguardare la partita e provare a trovare qualche spunto interessante, mettendo in pratica gli insegnamenti di Benedetto Greco di Calcio Tactics.

30 novembre 2020


C’è lo zenit e c’è il nadir; ci sono le nostre aspirazioni e c’è la cruda realtà: siamo una squadra da metà classifica.
La sconfitta di ieri contro i Wolves ha sancito un nuovo record, evitabilissimo: era dal 1977 che non perdevamo tre incontri di campionato consecutivi, in casa.

La classifica ci vede quattordicesimi, con una differenza reti di -2 e il quarto peggior attacco della Premier League, con dieci gol all’attivo in altrettante partite.

Il brutto è che non possiamo nemmeno recriminare, non possiamo prendercela con il fato avverso, possiamo solo arrenderci all’evidenza: siamo una squadra da metà classifica.

29 novembre 2020


Attacchi sterili, difese quasi impenetrabili: sulla carta, la partita di stasera non sarà molto divertente.
Se i Wolves hanno mandato a referto ben 20 tiri contro il Southampton, l’Arsenal non ha ancora trovato la quadratura del cerchio in fase offensiva e rischia quindi di soffrire stasera, come successo troppo spesso contro il Wolverhampton, in casa.
Se vogliamo dare una svolta al nostro cammino in campionato, stasera è l’occasione giusta: occhio però, non sarà semplice.

27 novembre 2020


Oh mamma mamma mamma,
Oh mamma mamma mamma, sai perchè mi batte il corazón?
Ho visto Maradona,
Ho visto Maradona,
Oh! Mamma! Innamorato son!

Era il 1982 e Diego Armando Maradona sarebbe dovuto essere un giocatore dell’Arsenal, non fosse stato per l’arrogante miopia del segretario di allora della Football Association, Graham Kelly: “Non voglio che a giocatori non europei vengano concessi permessi di lavoro per i prossimi due anni”

Come se Diego Armando Maradona fosse mai stato "un giocatore".