lunedì 7 novembre 2011

Arsenal -W.B.A 3-0: Who needs Batman? We have ROBIN!

The Verminator torna al goal dopo quasi 2 anni
Questo magnifico banner campeggiava magistralmente dall’East Stand mentre l’olandese metteva in scena un’altra prestazione da Pallone d’Oro – un goal per aprire i conti e due assist per chiudere la partita e rivedere (finalmente) l’Arsenal che era sparito nel Febbraio scorso – nel momento esatto in cui Martins aveva sancito una sconfitta inaspettata nella finale di Carling Cup, contro il Birmingham.

La difesa del West Brom ha largamente collaborato al sabato festoso di noi Gooners, ma é giusto poter finalmente dire che l’Arsenal non é quella squadra che ha preso OTTO goal (ouch!) all’Old Trafford ma é piuttosto quella che ha vinto 9 delle ultime 11 partite.
Spiace dire che l’unico votante del sondaggio riguardante la miglior coppia di difensori centrali non sia stato ascoltato, dal momento che Wenger ha preferito Koscielny a Mertesacker per affiancare l’intoccabile Vermaelen, ma credo che alla lunga il lungo Per si riprenderá il suo posto al fianco di Verminator.

Poco da dire sulla partita – soprattutto perché non ho avuto modo di vederla – se non che, parole di Arsène, il dominio é stato assoluto dall’inizio alla fine.
Piú che giuste le lodi per Arteta e Vermaelen, molto sorprendente invece i voti raccolti da Carl Jenikinson su tutti i giornal inglesi: una partita eccellente, in difesa e in attacco, e il dubbio che forse anche stavolta Le Prof abbia fatto l’affarone.
Inutile scaldarsi troppo presto, per chi ricorda i vari Senderos, ma il ragazzo a 19 anni ha per lo meno mostrato carattere dopo critiche non proprio zuccherate.

Wenger ha dichiarato che tutto queste lodi non mostrano altro che la velocitá assurda alla quale i giudizi mutano nel mondo del calcio e non posso che essere d’accordo: aggiungerei pure che di tutti gli editorialisti che hanno scritto dopo la sconfitta a White Hart Lane (ouch!, ouch!) circa l’inadeguatezza degli acquisti last-minute dell’Arsenal, nemmeno uno abbia fatto un passo indietro ora che Arteta é l’autentico metronomo della squadra, Gervinho ha iniziato a sfornare assist e André Santos ha giá eguagliato il record di goal di Gael “Fuorigioco Impeccabile” Clichy.

Ora l’Arsenal é improvvisamente tornata una squadra forte, temibile, fatta di campioni e pronta per lottare su tutti i fronti mentre due mesi fa era praticamente in lotta per non retrocedere con Norwich e Wolves, distante anni luce da City, United, Chelsea ma anche Spurs, Liverpool o addirittura Newcastle , Villa, Everton, Bolton etc.
La veritá é che l’inizio di stagione é stato assurdamente complicato, la doppia sfida con l’Udinese era chiaramente la prioritá e la giornata di grazia di Rooney e Ashley Young hanno infierito senza pietá su una squadra senza identitá e senza ricambi.

Ora il settimo posto non é qualcosa di cui andare particolarmente fieri, ma il ruolino dei ragazzi di Wenger é qualcosa di piú che una semplice casualitá. Non si parla d’altro che della difesa colabrodo, ma non bisogna dimenticare che 12 dei 21 goal incassati fino a qui sono arrivati in due sole partite.
Tutte le critiche piovute sulla difesa dopo Chelsea-Arsenal sono state profondamente ingiuste, perché se é vero che il Chelsea avrebbe potuto segnare molto di piú, é anche vero che oltre ai 5 messi alle spalle di Cech ne potevano entrare per lo meno altri due. Come la mettiamo quindi?

Manteniamo i piedi per terra e pensiamo a battere il Norwich, per ora. Non eravamo scarponi due mesi fa e non siamo il Barcellona adesso – ma resta il fatto che ora il pallone gira alla velocitá supersonica cui eravamo abituati e van Persie mostra tutta la sua classe in campo e fuori.
29 goal in 28 partite da Gennaio 2011, giocate sopraffine e un’attitudine da vero capitano che mancava da un po’ (con buona pace di Fabregas).
Siamo settimi in classifica e a buon punto in Champions, se si mantiene l’umiltá e il profilo basso mostrati fino a qui sono certo che si tornerá molto in alto.
Temo non abbastanza per mettere paura al City o allo United, ma sono quasi certo che ci salveremo.
COMMON ARSENAL!

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti