venerdì 17 agosto 2012

L’Analisi della Vigilia: Arsenal vs. Sunderland, 18 Agosto 2012

L’attesa è finalmente finita!

La Premier League torna e con essa ecco l’Arsenal di nuovo in campo, potete stare certi che non sarà il solito Arsenal.

Partito van Persie, che questa mattina ha posato per la foto di rito con Alex Ferguson e il nuovissimo contratto da 48M di sterline in quattro anni (!), sono impaziente di vedere all’opera i nuovi acquisti griffati Arsène Wenger.
Le mie attese, tuttavia, potrebbero essere immediatamente disilluse perché lo spagnolo Santi Cazorla, reduce dall’ottima prestazione con gol nell’utilissima amichevole che ha visto la Spagna battere Porto Rico, non è assolutamente certo di essere della partita e dovrà passare una sorta di provino prima di essere dichiarato abile ed arruolato; stessa sorte toccherà anche a Theo Walcott, rispedito a casa dal ritiro della Nazionale inglese a causa di un lieve infortunio, mentre saranno certe le assenze di Laurent Koscielny, Alex Chamberlain, Bacary Sagna e Tomas Rosicky – oltre ai lungodegenti Jack Wilshere e Emmanuel Frimpong.

Altro assente di lusso sarà con ogni probabilità Alex Song: Arsène Wenger ha confermato che il centrocampista camerunense soffre dei postumi di una serie di colpi subiti durante l’amichevole contro il Colonia.
Se sommiamo a questi piccoli, fastidiosi infortuni il fatto che lo stesso manager alsaziano abbia dichiarato apertamente che Song potrebbe lasciare la squadra, il profumo di infortunio diplomatico diventa insostenibile.
Song incontrerà Wenger all’inizio della prossima settimana, in base al risultato di quel faccia a faccia si potrà capire con esattezza l’entità dell’ infortunio del centrocampista: o sarà totalmente recuperato in un battibaleno oppure avrà già firmato con il Barcellona.

La formazione è quindi piuttosto facile da immaginare, restano un paio di dubbi tra centrocampo e attacco ma saranno principalmente i fisioterapisti – e non Wenger – a decidere chi andrà in campo.
Nella migliore delle ipotesi, Szczesny avrà di fronte una linea formata da Jenkinson, Mertesacker, Vermaelen e André Santos mentre a centrocampo saranno quasi sicuramente schierati Coquelin, Arteta e Cazorla (o Diaby nel caso in cui lo spagnolo non abbia recuperato); in attacco spazio sia a Podolski che a Giroud, sulla destra invece giocherà Gervinho qualora Walcott non sia al 100%.

C’è abbastanza qualità per far un sol boccone dell’ostico Sunderland, non bisogna però prendere sottogamba i ragazzi di O’Neill perché metteranno in campo la solita organizzazione e la solita tenacia.
Bisognerà partire forte e magari segnare subito, se possibile segnare tanto per far capire a tutti che i gol a raffica di van Persie possono essere rimpiazzati senza troppe difficoltà.
Ci sono tanti scettici da smentire là fuori, una moltitudine di esperti cui chiudere il becco e una stagione da iniziare nel migliore dei modi, alla faccia di tutti i corvi che ci danno (ancora una volta) per spacciati.

Common Gunners!

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti