martedì 30 ottobre 2012

Arsenal vs Queens Park Rangers: tre punti tra troppa sofferenza e preoccupazioni


Mikel Arteta segna, Aaron Ramsey esulta!
 
 
Dopo le brutte prove contro Norwich City e Schalke 04, generatrici di troppe psicosi, i Gunners hanno trovato il modo di riportare il sorriso tra le depresse fila dei Gooners: una vittoria scaccia pensieri, tre punti che riportano l’Arsenal a sette punti dalla vetta e soprattutto tranquillizzano – seppure in maniera minima – tutti i disfattisti afflitti dalle ultime due sconfitte.

Ci sono voluti ottantaquattro minuti per avere la meglio di un QPR chiuso nella propria metà campo, rinunciatario all’inverosimile e deciso a non concedere il minimo spazio ai padroni di casa; padroni di casa i quali, purtroppo, hanno confermato una certa difficoltà nell’elaborare manovre abbastanza veloci ed avvolgenti da scardinare la difesa avversaria: troppi passaggi orizzontali, poche iniziative palla al piede e troppo poco coraggio dalla trequarti in su hanno di fatto facilitato il compito di una squadra ospite che sembrava dover capitolare non appena l’Arsenal avesse alzato il ritmo.

Nonostante una prova non esattamente brillante, i ragazzi di Wenger hanno comunque creato una buona quantità di occasioni da rete, tutte sventate però da un Julio Cesar in formato saracinesca: l’estremo difensore ex Inter, atterrato per non si sa quale motivo alla corte di Mark Hughes, è stato in grado di arginare tutti gli attacchi – per quanto confusi e sporadici – dei padroni di casa e tenere così miracolosamente in partita i propri compagni di squadra fino all’ultimo minuto.

E proprio in quell’ultimo minuto gli ospiti avrebbero addirittura potuto strappare un incredibile pareggio, se Mackie non si fosse fatto ipnotizzare dall’attento Vito Mannone.

Sintomo evidente di un certo nervosismo in casa Arsenal e prova lampante di quanto la squadra sentisse l’importanza di un risultato tanto scontato alla viglia quanto complicato sul campo: chiaramente toccati sul vivo dalle due sconfitte consecutive, i ragazzi di Wenger erano ben consapevoli di essere già ad una sorta di crocevia e un qualsiasi risultato diverso dalla vittoria avrebbe potuto avere un impatto enorme sulla fiducia – già traballante – di questo gruppo di giocatori.

In questo senso, l’innesto immediato dei lungodegenti Jack Wilshere e Bacary Sagna è stata una mossa assolutamente illuminata da parte di Arsène Wenger, che ha ridato entusiasmo ad un ambiante un po’ troppo depresso.

Proprio il rientro di Wilshere, 14 mesi dopo l’infortunio, ha avuto l’effetto sperato su un Emirates Stadium al settimo cielo nel rivedere in campo il proprio figlio prediletto, già eletto a salvatore della patria nonostante l’ottimo inizio di stagione dei compagni di squadra.

Ora spazio alla Capital One Cup, stasera all’Emirates arriva il Reading di McDermott e spetterà quindi alle cosiddette seconde linee confermare i segni di guarigione mostrati da Arteta e compagni: Arsène Wenger ha incluso nei convocati alcuni nomi eccellenti come Laurent Koscielny, Theo Walcott e Olivier Giroud oltre ad altri membri della prima squadra come Johan Djourou, Sebastien Squillaci, Andrey Arshavin e Marouane Chamakh e alcuni dei giovani più interessanti – Serge Gnabry e Emmanuel Frimpong su tutti.

Un’altra vittoria, magari più convincente, potrebbe rappresentare la perfetta rampa di lancio in vista della trasferta dell’Old Trafford, quello si un autentico crocevia della stagione dei Gunners.

 COMMON ARSENAL!

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti