giovedì 23 maggio 2013

SAVE THE DATE - Arsenal vs Tottenham Hotspur 5-2: non è una replica, è successo di nuovo!

Un anno fa, il 26 Febbraio 2012, lo scenario da incubo che si stava componendo sotto gli occhi dei tifosi dell’Arsenal presenti all’Emirates Stadium era impareggiabile: Spurs avanti di due gol dopo dieci minuti, il primo regalato da una clamorosa svista della linea difensiva e il secondo gentilmente offerto da Mike Dean che ha trasformato un tuffo verognoso di Gareth Bale in un calcio di rigore, trasformato per di più da Emmanuel Adebayor.
In quel momento il Tottenham aveva dieci punti di vantaggio sui Gunners e navigava sereno verso la Champions Lague, con quella probabile vittoria i punti sarebbero diventati tredici e l’incantesimo che da 16 anni garantiva all’Arsenal la supermazia cittadina sembrava sul punto di rompersi – finalmente.
Con una rimonta epocale invece gli uomini di Arsène Wenger erano stati in grado di ribaltare il risultato, finendo addirittura col segnare cinque gol al povero Brad Friedel grazie agli assoli di Bacary Sagna, Robin van Persie, Tomas Rosicky e Theo Walcott (doppietta per lui).
Da quel momento, la sorte delle due squadre si è invertita e tutto è finito come sappiamo: Arsenal terzo, Spurs quarti ma esclusi dalla Champions League a causa del trionfo del Chelsea sul Bayern Monaco.
Una vera goduria.

Personalmente avrei voluto una vittoria po’ meno sofferta quest’anno, se possibile!
Ed invece dopo dieci minuti Emmanuel Adebayor ha di nuovo portato avanti gli ospiti ed ecco che i fantasmi si sono ripresentati: Arsenal troppo impreparato, giocatori avversari imprendibili ed una brutta sensazione che stavolta l’impresa non sarebbe riuscita.
Ed invece ecco che il togolese abbatte in maniera grottesca Santi Cazorla nei pressi della linea di centrocampo e viene giustamente espulso, lasciando i suoi in dieci dopo appena 18 minuti.
La speranza si è riaccesa ed il colpo di testa perentorio di Per Mertesacker ha rimesso la gara in equilibrio – dando il là ad un altro pomeriggio fantastico.
I gol di Olivier Giroud, Lukas Podolski e Santi Cazorla sembravano aver messo al sicuro un altro derby ad alto godimento ma il destro (?!?) di Gareth Bale era riuscito in qualche modo ad instillare qualche insicurezza tra i giocatori dell’Arsenal, apparsi allo sbando per alcuni lunghissimi minuti.
Reggeranno? Difenderanno il risultato? Saranno in grado di portare a casa la vittoria?
Il dubbio c’era, anzi era quasi una certezza per molto giornalisti ed esperti – che già pregustavano il disastro di un Arsenal che con tre gol ed un uomo in più riesce a farsi rimontare dagli Spurs.

A fugare ogni incertezza ci ha pensato Theo Walcott con il suo sigillo finale a fissare il 5-2 definitivo.
Ancora una volta non ce n’è per gli Spurs, capaci d’incassare dieci gol negli ultimi due derby disputati all’Emirates Stadium.

Come già detto l’anno scorso, forever in our shadow 5PUR2!

COMMON ARSENAL!

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti