lunedì 3 giugno 2013

Ora che la primavera è ufficialmente iniziata, Arsène Wenger si dà alle pulizie

Con il primo sole che finalmente si affaccia sull’Europa, Arsène Wenger ne approfitta per spalancare le finestre e sbarazzarsi di alcuni soprammobili impolverati restati troppo a lungo sulle mensole.


È di oggi infatti la notizia che l’Arsenal ed il centrocampista brasiliano Denìlson hanno deciso di rompere il contratto in essere tra le due parti, di comune accordo.
Il giocatore, da due stagioni in prestito al Sao Paulo, potrà quindi trovarsi una nuova squadra in maniera totalmente indipendente, senza che alcun compenso debba essere versato ai Gunners.
Data l’impossibilità di cedere in maniera definitiva Denìlson – nonostante gli svariati tentativi – Arsène Wenger ha preferito rinunciare ad un qualsiasi profitto accontentandosi unicamente di ridurre le spese per l’ingaggio del centrocampista – stimate intorno ai £ 3m.
Un risparmio niente male, dopo tutto, soprattutto se lo aggiungiamo ai £ 4m l’anno pagati fino ad oggi ad Andrey Arshavin e ai £ 3.5m versati al francese Sébastien Squillaci.

In questo modo – pur poco ortodosso per un ottimo negoziatore come Arsène Wenger – il Club si ritrova a risparmiare un gruzzoletto di oltre £ 10m all’anno, somma che dovrebbe creare quindi fondi importanti per nuovi stipendi.
Se sullo slancio l’alsaziano dovesse trovare il modo di cedere (o liberare) anche Marouane Chamakh, Park Ju-Young e Nicklas Bendtner, il monte stipendi potrebbe ridursi di altri £ 8m, tutte risorse che renderebbero possibile un sostanziale rinnovamento della rosa.

Fondi che, a meno di autentiche follie, non saranno comunque investiti nell’ingaggio di Wayne Rooney: con la solita fantasia infatti molti tabloid hanno preso una dichiarazione neutra di Arsène Wenger (“Rooney? È un giocatore interessante, chi rifiuterebbe di averlo in squadra?”) per un’imminente offerta per l’attaccante del Manchester United, sempre deciso a cambiare aria.
Con un contratto inavvicinabile per le casse dell’Arsenal  - oltre £ 11m – Wayne Rooney assorbirebbe da solo tutti i fondi faticosamente racimolati da Arsène Wenger, chiudendo di fatto il mercato dell’Arsenal.
Per quanto Rooney sia un attaccante fantastico, questa squadra ha bisogno di molti ritocchi più che di un colpaccio, quindi preferirei che quelle risorse fossero spese per un portiere, un difensore ed un centrocampista piuttosto che per un’unica superstar.

Sono certo che il mercato riserverà tante sorprese da qui ad Agosto, ma non scommetterei un centesimo su Rooney all’Arsenal: con in lizza Club ricchissimi come Chelsea, PSG, Monaco e Manchester City, le possibilità dei Gunners sono pari a zero.
Senza contare poi che già una volta Wayne Rooney aveva chiesto ufficialmente la cessione, ottenendo poi un lauto aumento di stipendio per convincerlo a restare.
E se fosse ancora la stessa storia?

Il mercato dell’Arsenal è ancora orientato su Stevan Jovetic, Clément Grenier, Victor Waymana (sopravvalutato!), Maxime Gonalons e forse Gonzalo Higuain, anche se come sempre Arsène Wenger starà trattando qualcun’altro alle spalle di tifosi, giornalisti e talpe varie.

Staremo a vedere, nel frattempo godiamoci  l’aria fresca portata all’Emirates Stadium da queste grandi e tanto attese pulizie di fine stagione.


COMMON ARSENAL!!!

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti