venerdì 26 luglio 2013

Quanto supporto l’Arsenal? Abbastanza da concedere un’opportunità a Luis Suarez…

Come già detto qualche giorno fa (e tante altre volte in passato...) l’idea di avere Luis Suarez in squadra non mi fa impazzire.

Anzi, è proprio l’opposto.

Nonostante le grandissime qualità sul campo, infatti, il pensiero che possa finire investito da un nuovo scandalo è troppo spaventoso.
Un sempice gesto da parte di colui che morde gli avversari e proferisce offese a sfondo razziale ed ecco che la meravigliosa reputazione costruita anno dopo anno sarebbe rovinata.

È un rischio troppo grande.

Come tanti altri tifosi, io sostengo il Club e non giocatori/manager (be’, per Arsène Wenger è un po’ diverso...) perchè mentre i primi vanno e vengono, il Club c’era prima e ci sarà anche in seguito.
La reputazione, l’immagine ed il comportamento dell’Arsenal vengono al primissimo posto e non esiste che un singolo individuo possa scalfirli – in un modo o nell’altro.
Avere Luis Suarez in squadra avvicina pericolosamente la possibilità di essere colpiti da uno scandalo e già vedo cosa giornali e avversari potrebbero costruire su una simulazione, una lunga squalifica o qualcosa del genere.

Nonostante l’altissimo rischio, sono comunque pronto a condere una possibilità a Luis Suarez, nel cao dovesse davvero diventare un giocatore dell’Arsenal: Arsène Wenger si è dimostrato un maestro nel gestire i caratteri più complicati (Tony Adams, Robin van Persie, Emmanuel Adebayor, Samir Nasri, Nicolas Anelka, William Gallas, Nicklas Bendtner solo per citarne alcuni) e potrebbe trarre il meglio dall’abilità dell’attaccante uruguayano mentre lavora sul suo comportamento.
Sono d’accordo con chi dice che trasformare uno come Luis Suarez in un modello tanto dentro quanto fuori dal campo potrebbe essere un grande risultato per Arsène Wenger, resto tuttavia molto preoccupato.

Mi sono chiesto perchè Arsène Wenger voglia acquistare Luis Suarez – a parte per i gol e il talento – e credo che la ragione principale potrebbe essere la volontà di mandare un messaggio ai tifosi e agli avversari.
Siamo stati un Club che negli ultimi anni ha venduto più che comprato, i Club più ricchi arrivavano ogni estate e si portavano via i giocatori migliori senza che Arsène Wenger o il Club potessero fare nulla.
Questo ovviamente ha generato rabbia, frustrazione e delusione tra i tifosi, m olti dei quali si sono chiesti quali fossero i piani futuri del Club e quali fossero le ambizioni dello stesso.

Investendo così tanto per ingaggiare il miglior giocatore del Liverpool, credo che Arsène Wenger voglia dimostrare che la musica è cambiata e credo possa far capire a tanti tifosi che finora l’Arsenal ha deciso di fare le cose nella maniera corretta (costruzione dello stadio e ripianamento dei debiti) pur sapendo che le conseguenze sarebbero state grandi, andando a ridurre le possibilità di spesa per acquisti e stipendi per molti anni.

Bussare alla porta del Liverpool – un Club che dovrebbe lottare con l’Arsenal per le prime posizioni – e portare via da Anfield il miglior giocatore della squadra potrebbe essere la mossa giusta per mettere in chiaro le cose.

Al di là dell’investimento sostanzioso, dell’ingaggio e dei rischi legati al fatto di avere un personaggio come Luis Suarez in squadra, il piano di Arsène Wenger potrebbe essere un capolavoro d’astuzia per ridare morale alla squadra e ai tifosi – una cosa che potrebbe risultare decisiva nell’aprire una nuova era di successi.

COMMON ARSENAL!

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti