mercoledì 30 ottobre 2013

Arsenal vs Chelsea 0-2: fuori dalla coppa di Lega, un vantaggio o un peccato?

Leggendo qualche commento e qualche blog, sono in pochi quelli dispiaciuti per l’eliminazione dei Gunners.
Io sono tra quelli.

Non mi piace dover scegliere tra i trofei in palio, non mi piace che la squadra possa non essere furiosa dopo una sconfitta e ancor meno mi piace che i tifosi possano credere che un’eliminazione sia tutto sommato benefica.

martedì 29 ottobre 2013

Emmanuel Frimpong, c’era una volta un mastino di centrocampo…

Ricordo perfettamente di essere rimasto senza parole nell’osservare l’esordio – in amichevole – di questo ragazzone nero che spazzava via qualsiasi avversario gli si ponesse di fronte, portando via il pallone prima di consegnarlo a chi di dovere.
Niente fronzoli, niente paura e un fisico che sembrava disegnato per abbattere le montagne: mi sono detto che quel ragazzo di 17 anni sarebbe potuto diventare un muro perfetto da sistemare davanti alla difesa.
All’anagrafe Emmanuel Frimpong, inglese di origine ghanese cresciuto nel vivaio dell’Arsenal a fianco di Jack Wilshere.

Preview, Arsenal vs. Chelsea: può una sfida di coppa contro i Blues non contare per i Gunners?

D’accordo, la Capital One Cup è il trofeo meno prestigioso tra quelli in lizza durante la stagione, possiamo però prendere l’impegno sottogamba e decidere deliberatamente  di abbandonare una delle competizioni per le quali siamo in corsa per la vittoria finale?

Fino a quando gli avversari si chiamano Rotherham, West Brom o Reading, il turnover spesso applicato da Arsène Wenger è accettato in maniera unanime; quando l’avversario si chiama Chelsea, invece, gli animi si scaldano: spazio ai giovani e possibile figuraccia pur di preservare i titolari per trofei più seri oppure titolari in campo per giocarsi seriamente la qualificazione, prendendo però qualche rischio?
Entrambe le correnti si sono dimostrate allo stesso tempo efficaci e dannose: contro il Bradford l’anno scorso la formazione titolare ha incassato l’eliminazione, qualche anno addiettro i giovanissimi hanno rifilato un’autentica lezione di calcio allo Sheffield United, demolito 6-0 all’Emirates Stadium da una squadra la cui età media non superava i 19 anni.
Allo stesso modo i talenti dell’Academy hanno patito una dura sconfitta contro il Burnely in trasferta mentre i titolari hanno registrato una grandiosa vittoria per 6-3 a Anfield contro il Liverpool.

Che fare? Nessuna delle due strade assicura l’arrivo alla meta.

lunedì 28 ottobre 2013

Crystal Palace vs. Arsenal 0-2: tre punti sofferti ma meritati, i Gunners mostrano (ancora) la faccia meno brillante

C’era da aspettarselo, dopotutto: il malandato Crystal Palace ritrova vigore e coraggio esattamente alla vigilia della sfida contro l’Arsenal – sfornando una delle migliori prestazioni stagionali.
Risultato, abbiamo vinto lo stesso.

Soffrendo, però meritando ampiamente i tre punti.

venerdì 25 ottobre 2013

Preview, Crystal Palace vs Arsenal: chiuso il capitolo Dortmund, attenzione alle aquile ferite

Chiuso – molto a fatica, per quel che mi riguarda – il capitolo relativo alla bruciante sconfitta contro il Borussia Dortmund in Champions League, l’attenzione ora dev’essere tutta rivolta alla trasferta di sabato contro il Crystal Palace.
Scosso dalle dimissioni di Ian Holloway, il Club neopromosso in Premier League è nelle peggiori condizioni possibili alla vigilia della partita contro i Gunners perché si trova già con l’acqua alla gola nonostante le appena otto giornate di campionato trascorse.
Con a referto una sola vittoria e sette sconfitte, le Aquile sono penultime in classifica e una delle principali candidate alla retrocessione e sembrano in netto ritardo rispetto alla totalità della concorrenza, già distante cinque punti rispetto ai rossoblu.

giovedì 24 ottobre 2013

Una sconfitta è merce rara di questi tempi, allora parliamone...

Raramente avevo assistito ad un tale dibattito a proposito di una sconfitta, quindi vorrei approfondire qualche punto.
Le versioni dei fatti e le spiegazioni si sono moltiplicate negli ultimi giorni, tra chi rendeva onore ad un Borussia Dortmund e chi – come me – non ha potuto esimersi dal far notare come i vice campioni d’Europa abbiamo offerto un gioco brillante solo inizialmente, subendo l’avversario per buona parte della ripresa.
Io faccio parte di coloro che si aspettavano molto di più da una squadra dipinta come una delle migliori d’Europa e per questo motivo la sconfitta è difficile da digerire; resto infatti convinto che sia stato più per demeriti dell’Arsenal che per meriti degli uomini di Jürgen Klöpp se la partita è terminata com’è terminata, però ovviamente potrei sbagliarmi.

mercoledì 23 ottobre 2013

Arsenal vs Borussia Dortmund 1-2: sconfitta bruciante e immeritata, la corsa agli ottavi ricomincia

Una sconfitta è una sconfitta.
Una sconfitta che al momento dei sorteggi sembrava dover trasformarsi in una carneficina è via via diventata una sconfitta probabile dopo l’ottimo esordio contro l’Olympique Marsiglia e una partita equilibrata dopo la lezione rifilata al Napoli; nei secondi quarantacinque minuti della partita di ieri, la sconfitta sembrava doversi trasformare piuttosto in una vittoria – con buona pace dei detrattori.

Crudelmente, è rimasta una sconfitta.

martedì 22 ottobre 2013

Preview, Arsenal vs. Borussia Dortmund: ragazzi, fate un bel regalo ad Arsène!

Il giorno del sessantaquattresimo compleanno di Arsène Le Prof. Wenger quale miglior regalo che una bella vittoria contro i vice campioni d’Europa del Borussia Dortmund?
Inutile stare a scervellarsi troppo, a cercare cravatte (tanto ne porta una sola, rigorosamente rossa a tinta unita!) o fermacarte o quadri o chissà che altro, il regalo migliore per il boss è accaparrarsi altri tre punti e veleggiare verso gli ottavi di finale di Champions League – con la speranza di offrire ad Arsène un regalo ancora più bello quando arriverà Maggio.

lunedì 21 ottobre 2013

Arsenal vs. Norwich 4-1: un piccolo assaggio di ciò che potrebbe essere...se restiamo umili

Il risultato – divenuto sostanzioso solo negli ultimi minuti – racconta di un Arsenal incontenibile dal centrocampo in su, tra fraseggi e gol di impareggiabile bellezza; la realtà, invece, parla di un Arsenal a tratti in difficoltà contro un Norwich che non merita la classifica attuale e di un Arsène Wenger che si è detto colpito da come i canarini abbiano saputo rendere dura la vita ai suoi ragazzi, soprattutto a cavallo dell’intervallo.

Lecito, soprattutto se si vuol tenere la squadra sotto pressione ed evitare una qualsiasi forma di autocompiacimento, però la facilità con cui l’Arsenal ha costruito occasioni da gol fa presagire grandi cose per il proseguio della stagione.
A patto, ovviamente, di mantenere questa solidarietà, questa intensità e questa fiducia – altrimenti il castello rischia di sgretolarsi.
Assicurata una comprovata maturità, le qualità di Mesut Özil (doppietta per lui), Santi Cazorla (bel rientro), Olivier Giroud, Jack Wilshere, Aaron Ramsey e compagnia verrà fuori inevitabilmente.
Senza maturità, tuttavia, si tratterebbe di uno spreco immane e imperdonabile.

venerdì 18 ottobre 2013

Preview, Arsenal vs. Norwich: riparte l’assalto alla Premier League, attenzione però ai canarini

Ci siamo, per fortuna torna la Premier League!
Archiviata la pausa per la qualificazioni al Mondiale in Brasile della prossima estate, l’Arsenal torna in campo per continuare lo spettacolare inizio di stagione e consolidare il primato in classifica dopo il pareggio esterno a casa del West Brom.

giovedì 10 ottobre 2013

Pensieri sparsi a proposito di Jack Wilshere, Bacary Sagna, Aaron Ramsey e Arsène Wenger

Pur senza partite ufficiali all’orizzonte, la settimana in casa Arsenal è stata – direttamente o indirettamente – tutt’altro che noiosa.
Tra dichiarazioni, premi, pettegolezzi e quant’altro, i Gunners sono riusciti a prendersi le prime pagine dei giornali anche senza toccare un pallone.

Anche questa è classe...

lunedì 7 ottobre 2013

West Brom vs Arsenal 1-1: i Gunners rallentano il passo ma conservano il primo posto, è ora di tirare il fiato

Un pareggio giusto, ottenuto con grande volontà e guadagnato contro una squadra che può anche chiamarsi W.B.A ma da qualche settimana gioca un calcio piacevole ed efficace.
Basta chiedere al Manchester United, battuto in casa dagli uomini di Steve Clarke non più di una settimana fa.

venerdì 4 ottobre 2013

Preview, West Brom vs. Arsenal: Avanti con la serie vincente, per dimostrare che c’è arrosto oltre al fumo…

Grosso scandalo in casa Arsenal: Jack Wilshere beccato con una sigaretta in bocca all’uscita di un locale dove la squadra stava festeggiando la bella vittoria contro il Napoli in Champions League.
Apriti cielo!
Più ridicole delle richieste di sanzioni, esclusioni e punizioni sono state però le parole del portavoce di Jack Wilshere, il quale ha detto che il centrocampista stava solo tenendo la sigaretta in bocca come parte di uno scherzo: peccato si veda chiaramente che Jack Wilshere sta effettivamente fumando, altro che scherzo.

giovedì 3 ottobre 2013

A quelli che dicono che l'Arsenal ha una panchina corta non date retta...

Le ho contate, foglio Excel alla mano: Arsène Wenger ha a disposizione ben VENTISETTE combinazioni diverse per creare la linea d’attacco ideale da schierare alle spalle di Olivier Giroud.

VENTISETTE.
VENTISETTE combinazioni create da sei giocatori, tutti estremamente versatili.

Senza tirare in ballo il debuttante Serge Gnabry né l’acerbo Ryo Myiachi e senza chiedere stravolgimenti alle abitudini di due centrali come Tomas Rosicky e Aaron Ramsey, l’alsaziano può comunque contare su VENTISETTE modi di schierare i tre moschettieri alle spalle di Olivier  Giroud D’Artagnan.
Mesut Özil l’ho contato solo come trequartista canonico, tanta è stata la scelta tra le alternative sulle fasce.
Inoltre, Theo Walcott l’ho preso in considerazione solo come ala destra e lo stesso ho fatto con Lukas Podolski dalla parte opposta.
Ciò nonostante, restano VENTISETTE modi diversi di creare occasioni da gol per l’Arsenal.

Non è scandalosamente eccitante tutto ciò?

mercoledì 2 ottobre 2013

Arsenal vs Napoli 2-0: frammenti di Wengerball tornano in superficie, dove può arrivare questo Arsenal?

Allora, chi aveva ragione?
Chi vi ha detto che questo Napoli è soppravvalutato?
Chi vi ha anticipato che i nostri centrocampisti avrebbero annichilitto i propri dirimpettai?

No, non c’è bisogno della standing ovation, dai!

martedì 1 ottobre 2013

Preview, Arsenal vs. Napoli: come ha detto Özil, niente regali per gli ospiti!

Eccoci arrivati al debutto casalingo in Champions League, avversario di turno il Napoli di Rafa Benitez.
Una squadra tosta, ben organizzata, molto pericolosa in attacco ma – come ho avuto modo di dire ieri – un filo soppravvalutata: nell’insieme la rosa del Napoli conta alcuni giocatori di spessore internazionale come Marek Hamsik, Pepe Reina e Gonzalo Higuain (in forte dubbio per stasera) ma anche una lunga serie di giocatori inesperti e abituati unicamente alla Serie A italiana, il che potrebbe pesare molto nel confronto con la maturità di chi gioca regolarmente in Champions League.
Soprattutto a centrocampo, questa differenza potrebbe essere determinante nell’equilibrio della partita perché da una parte ci saranno Blerim Dzemaili, Gokhan Inler e Valon Behrami mentre dall’altra vedremo Aaron Ramsey, Jack Wilshere e Mathieu Flamini, tutti abituati ai palcoscenici più bollenti.
Per non parlare poi di Mesut Özil, Tomas Rosicky e Bacary Sagna – molto più navigati di Raul Albiol, José Callejon e Camilo Zuniga.