04 ottobre 2013

Preview, West Brom vs. Arsenal: Avanti con la serie vincente, per dimostrare che c’è arrosto oltre al fumo…

Grosso scandalo in casa Arsenal: Jack Wilshere beccato con una sigaretta in bocca all’uscita di un locale dove la squadra stava festeggiando la bella vittoria contro il Napoli in Champions League.
Apriti cielo!
Più ridicole delle richieste di sanzioni, esclusioni e punizioni sono state però le parole del portavoce di Jack Wilshere, il quale ha detto che il centrocampista stava solo tenendo la sigaretta in bocca come parte di uno scherzo: peccato si veda chiaramente che Jack Wilshere sta effettivamente fumando, altro che scherzo.


Un calciatore professionista non dovrebbe fumare in primis per sé stesso e non dovrebbe farlo in pubblico perché danneggia la propria reputazione e quella del Club per il quale è tesserato, come detto da Arsène Wenger in maniera impeccabile.

Storia finita, capitolo chiuso e dopo il fumo quindi passiamo direttamente all’arrosto – la trasferta a casa del West Brom: campo difficile, come abbiamo potuto constatare di recente, ma anche fortunato visto i precedenti più che positivi delle ultime stagioni; gli uomini di Arsène Wenger dovranno ancora una volta giocare compatti e attenti, pronti a colpire alla prima occasione utile per controllare meglio la partita.
In questo senso, la formazione iniziale sarà molto importante per dare l’impronta decisiva alla partita e mettere subito sotto pressione l’avversario: a differenza di quanto visto contro il Napoli, infatti, mi aspetto un centrocampo più offensivo e due ali vere in campo (tra quelle disponibili al momento) e a farne le spese saranno probabilmente Tomas Rosicky e Mikel Arteta.
Per come stanno le cose ora, Aaron Ramsey e Mathieu Flamini sono intoccabili e la maggiore versatilità permetterà a Jack Wilshere di trovare posto sull’esterno, cosa impossibile per Tomas Rosicky e Mikel Arteta.
Resta da capire se Serge Gnabry tornerà titolare dopo la pausa in Champions League – ipotesi molto probabile – e come Arsène Wenger costruirà la linea difensiva, anche se la coppia Per Mertesacker-Laurent Koscielny è difficile da scindere.

Come contro lo Swansea e il Fulham, l’Arsenal dovrà essere molto dinamico dal centrocampo in su e muovere rapidamente il pallone per costringere gli avversari a staccarsi dalle posizioni assegnate loro e creare così spazi invitanti per Olivier Giroud e il trio di trequartisti.
Missione non impossibile sulla carta, anche se la squadra di Steve Clark sta migliorando di partita in partita e ritrova pian piano gli automatismi grazie ai quali ha disputato due ottimi campionati, chiusi nella parte alta della classifica.

Dall’infermeria non arrivano buone notizie, Bacary Sagna starà fuori tre settimane e né Santi Cazorla né Yaya Sanogo hanno recuperato in tempo, a dispetto di quanto sperato.
Entrambi torneranno disponibili dopo la sosta per le Nazionali e ai due potrebbe aggiungersi anche Lukas Podolski, sempre che i miglioramenti continuino ad essere così rapidi.
Arsène Wenger ha già confermato che Carl Jenkinson sostituirà Bacary Sagna mentre il resto della formazione sembra quasi definito, i soli dubbi riguardano come detto Serge Gnabry, Tomas Rosicky e Mikel Arteta.

Questa la formazione che mi aspetto di vedere dal primo minuto a Hawthorns:
Szczesny, Jenkinson, Koscielny, Mertesacker, Gibbs, Flamini, Ramsey, Özil, Wilshere, Gnabry, Giroud
In panchina: Fabianski, Monreal, Vermaelen, Arteta, Rosicky, Ryo, Bendtner

COMMON ARSENAL!

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti