06 novembre 2013

Preview, Borussia Dortmund vs. Arsenal: altro giro, altra sfida impossibile. O quasi...

Passato con lode il test di sabato contro il temibile Liverpool di Brendan Rodgers, avanti con la seconda tappa del tremendo Tour de Novembre: prossimo Gran Premio della Montagna, l’ascesa al Signal Iduna Park di Dortmund e arrivo con vista sugli ottavi di Champions League.
Vietato perdere terreno sugli avversari altrimenti la qualificazione si complica – anche se non sarà mai troppo distante, nemmeno in caso di sconfitta – e soprattutto vietato dare corda ai detrattori con una prestazione non all’altezza.
Non so voi ma personalmente da questo punto di vista sono più che tranquillo.

La trasferta in Germania assume grande valenza in termini di fiducia e continuità più che di qualificazioe perché uscire indenni da casa dei finalisti della passata edizione della Champions League manterrebbe immacolato il nostro ottimo cammino lontano dall’Emirates Stadium e ci permetterebbe di restare in una posizione ideale per la corsa al primo posto nel girone, dato il prossimo scontro diretto tra Borussia Dortmund e Napoli.
Come ovvio, una vittoria sarebbe la migliore risposta alla crudele sconfitta di due settimane fa e confermerebbe le ottime prospettive di una squadra che sembra sempre più matura e in salute – però sarà molto complicato portare via l’intera posta in palio stasera.

Come emerso dalle dichiarazioni rilasciate in settimana da Arsène Wenger e Aaron Ramsey, i Gunners sono ben consapevoli di aver peccato d’ingenuità nel finale della gara di andata e sono decisi a non ripetere l’errore anche se – in linea con il suo credo – l’alsaziano non ha mancato di ricordare come

“abbiamo perso all’andata perché volevamo assolutamente vincere ad ogni costo e ci siamo esposti troppo. Abbiamo attaccato fino alla fine perché non eravamo soddisfatti del pareggio”

e di conseguenza anche stasera mi aspetto che la squadra giochi il suo calcio abituale e non sarei sorpreso di vedere un Borussia Dortmund più che contento di lasciare il controllo del pallone agli ospiti.
Come all’andata, quella di stasera sarà una partita intensa ed equilibrata e sarà presumibilmente decisa nei primi venti minuti: se una delle due squadre dovesse passare in vantaggio, una rimonta diventerebbe quasi una chimera per l’altra.
Serviranno quindi reattività e concentrazione fin da subito in modo da incanalare la partita su binari ben noti ai Gunners, ovvero quelli del possesso palla a centrocampo e del movimento tra le linee di Santi Cazorla, Mesut Özil e Tomas Rosicky – pronti ad imbeccare Olivier Giroud o approfittare delle sue sponde.
Personalmente mi aspetto che i Gunners attacchino principalmente dalla parte di Groẞkreutz, apparso tutt’altro che un buon difensore durante la gara d’andata e quindi sono impaziente di vedere Santi Cazorla, Mesut Özil e Kieran Gibbs combinare con continuità sulla corsia di sinistra.
I duelli sulle fasce potrebbero risultare decisivi per le sorti della partita, la capacità di Bacary Sagna e Kieran Gibbs di effettuare con continuità le due fasi di gioco potrebbe fare la differenza al momento del fischio finale.
Peccato per l’assenza contemporanea di Theo Walcott e Alex Oxlade-Chamberlain, saremmo potuti essere egualmente pericolosi su entrambe le fasce e raddoppiare le preoccupazioni per la retroguardia dei tedeschi.
Pazienza, ci accontenteremo di Santi e Özil questa volta...

La difesa del Borussia Dortmund potrebbe essere priva di Mats Hummels e quindi un po’ più vulnerabile perché orfana del suo coordinatore e condottiero, per il resto le formazioni saranno quelle ampiamente annunciate fin da lunedi.
Per l’Arsenal mancheranno Jack Wilshere – rimasto direttamente a Londra – e i già noti Mathieu Flamini, Theo Walcott, Lukas Podolski e Alex Oxlade-Chamberlain, mentre Kieran Gibbs e i giovani Serge Gnabry e Thomas Eisfeld sono tornati a disposizione. Arsène Wenger non avrà molto margine d’azione in quanto a scelte tecniche ed è più che probabile che vedremo in campo la formazione che ha sconfitto il Liverpool sabato scorso.

Questi gli undici che l’alsaziano dovrebbe mandare in campo contro il Borussia Dortmund:
Szczesny, Sagna, Mertesacker, Koscielny, Gibbs, Arteta, Ramsey, Özil, Cazorla, Rosicky, Giroud.
In panchina: Fabianski, Monreal, Vermaelen, Jenkinson, Ryo, Gnabry, Bendtner.

COMMON ARSENAL!

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti