venerdì 27 dicembre 2013

West Ham vs. Arsenal 1-3: dal tormento all’estasi, di nuovo in vetta!



Il gol segnato da Carlton Cole in apertura di secondo tempo sembrava il preludio ad uno di quei pomeriggi in cui il “solito, vecchio” Arsenal avrebbe avuto la meglio su tutti i progressi fatti dal gruppo di giocatori agli ordini di Arsène Wenger.
Dominio territoriale assoluto, manovre corali impeccabili, occasioni da gol a ripetizione e improvvisamente ecco che ci si ritrova a dover rincorrere -  con poche speranze di successo.

Invece, con tre gol in appena dieci minuti, il fantasma del Natale passato è stato scacciato: prima la conclusione apparentement innocua di Theo Walcott, poi il primo gol di testa in Premier League da parte dell’ala inglese ed infine la conclusione chirurgica del ritrovato Lukas Podolski hanno invertito una pessima tendenza, permettendo nello stesso tempo all’Arsenal di tornare ad assaporare una vittoria che mancava da tre turni.
Un pomeriggio che sarebbe stato altrimenti disastroso si è presto trasformato in un momento di grande orgoglio e godimento, entrambi frutto della maturità mostrata dalla squadra e di una prestazione finalmente brillante, con tante occasioni da gol create ed un gioco innegabilmente frizzante.

A vedere il bicchiere mezzo vuoto, ieri avremmo dovuto vincere con un buon margine e seppellire di gol il povero West Ham già nel primo tempo – evitando quindi tutti i patemi della ripresa – però dovremmo innanzitutto fare i complimenti ai giocatori per come hanno ribaltato una situazione delicata e portato a casa tre punti fondamentali a questo punto del campionato.
Una sconfitta o una pareggio a Upton Park avrebbero verosimilmente fatto scattare un sonoro campanello d’allarme in casa Arsenal e generato una miriade di commenti negativi a proposito dell’immaturità di questo gruppo di giocatori, invece questa mattina ci ritroviamo in testa alla classifica e un rinnovato ottimismo aleggia nell’aria.
Anziché mezzo vuoto, questo bicchiere dovremmo cominciare davvero a vederlo quasi pieno!

È vero che il West Ham non ha impressionato e sembra oggi una delle candidate principali alla retrocessione, però un derby resta sempre un derby e vincerlo pur iniziando il secondo tempo in svantaggio non è cosa da poco.

Avanti con la prossima sfida ora, ad attenderci questa volta ci sarà un avversario ben più ostico, quel Newcastle che ha vinto 5 a 1 la sfida contro lo Stoke City e ha in Loïc Rémy un attaccante estremamente pericoloso – tutt’altro giocatore a quel Carlton Cole che ha comunque saputo mettere in difficoltà la retroguardia dell’Arsenal.
Domenica all’ora di pranzo i Gunners faranno il loro ingresso sul campo del St. James’ Park con un solo, abituale obbiettivo: restare in vetta al campionato.
Chissà che, a furia di abituarcisi, gli uomini di Arsène Wenger non decidano di restarci fino alla fine della stagione...

COMMON ARSENAL!

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti