20 gennaio 2014

Arsenal vs. Fulham 2-0: il cinismo e la pazienza dei grandi, bravi Gunners



Avrei preferito una partita più scintillante, avrei preferito vedere qualche gol in più ma tutto sommato mi sta benissimo così; gara dominata per intero, due gol di pregevole fattura e tante combinazioni interessanti, per quanto incomplete, mi bastano per essere soddisfatto di un pomeriggio che ci conferma primi della classe.

L’errore clamoroso di Bent e il successivo finto infortunio per giustificare lo scempio compiuto sono stati la classica ciliegina...

Per tornare alle cose serie, finalmente il cammino di Santiago è arrivato a compimento e il peregrinare frustrante per il campo ha lasciato spazio alle vecchie serpentine, ai passaggi precisi e ai gol che tanto abbiamo ammirato lo scorso campionato.
Sperando che le cose continuino così – pur con fisiologici alti e bassi – avere di nuovo in squadra il vero Santi Cazorla è una sensazione rassicurante.
Lo stesso dicesi per Jack Wilshere, protetto da un Mathieu Flamini in versione Flattuso e libero quindi di lanciarsi in avanti e scompigliare le carte alla retroguardia avversaria, con grande beneficio per Olivier Giroud, lo stesso Santi Cazorla e Mesut Özil.
Impressionante anche la prova, l’ennesima, di Serge Gnabry il quale, senza lasciare segni tangibili sulla partita, si è rivelato essere un pericolo costante per la difesa avversaria e si candida ad essere il titolare della fascia destra da qui alla fine del campionato – Alex Oxlade-Chamberlain permettendo.

Avanti così quindi, con la solita grande compattezza difensiva e la pazienza tipica di sa di poter vincere la partita in ogni momento, avendo a disposizione infinite soluzioni.
Se Chelsea e Manchester City restano le favorite per la vittoria finale, essere ancora davanti ad entrambe a questo punto del campionato dovrebbe riempire tutti noi d’orgoglio e farci capire quanto questa squadra stia facendo bene.
Non abbiamo le risorse economiche delle nostre avversarie, non abbiamo segnato una media di tre gol a partita in campionato e non siamo riusciti a restare imbattuti in ogni singolo scontro diretto giocato finora, eppure siamo davanti a tutti.
Top of the League.
Ripetetevelo ogni tanto, fa davvero bene al morale.

Adesso attenzione puntata alla sfida di FA Cup contro il Coventry, in quella che sarà probabilmente la migliore occasione per Arsène Wenger per far giocare qualche ragazzo più giovane e alcuni infortunati di lungo corso.
Più che probabile quindi la presenza di Lukasz Fabianksi, Lukas Podolski, Alex Oxlade-Chamberlain e Carl Jenkinson tra i titolari, con il desaparecido Ju-Young Park e il giapponese Ryo Myiaich in lizza per scendere in campo.

La partita sarà giocata all’Emirates Stadium venerdì sera, per la grande gioia di Arsène Wenger che potrà contare su un giorno di riposo in più in vista della difficile trasferta a casa del Southampton

COMMON ARSENAL!

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti