lunedì 7 aprile 2014

Le Pagelle: Everton vs. Arsenal 3-0



Wojciech SZCZESNY – 7 *MOTM
Incolpevole sui gol, lui per lo meno è reattivo e respinge la conclusione di iniziale di Lukaku oltre ad uscire sui piedi di Naismith in occasione del terzo gol. Ottima reattività su una conclusione di Mirallas nel primo tempo, a confermare che i problemi sono altrove.

Bacary SAGNA – 6,5
Non sono prestazioni come queste a spingerlo a rinnovare in contratto. L’unico ad essere pronto e combattivo fin dall’inizio, viene abbandonato completamente dai compagni come in occasione dell’azione del terzo gol. Un altro che può uscire dal campo a testa alta.

Per MERTESACKER – 5
Solitamente solido e preciso, ieri il nostro BFG non ha saputo compattare la linea difensiva ed è finito travolto assieme agli altri. Curioso però vedere come l’Everton puntasse sempre a sinistra e mai dalle sue parti.
 
Thomas VERMAELEN – 3
Ridicolo quando non mette il piede per interrompere l’azione che porta al vantaggio, inaccettabile a questi livelli. Spesso fuori posizione, troppo alto alla ricerca di anticipi improbabili, e scarso nella lettura del gioco. L’involuzione di questo giocatore sarà presto studiata dalla redazione di Mistero. Spero che Koscielny non ne abbia per molto.

Nacho MONREAL – 3
Altro bersaglio facile per gli avversari, un errore grossolano in occasione del gol di Lukaku e un’insicurezza palese. Anche lui sembra l’ombra di sé stesso, soprattutto quando si gioca lontano dall’Emirates Stadium.

Mikel ARTETA – 3
Molle in copertura, impreciso in impostazione. Dovrebbe essere uno dei leader che trascina i compagni, è tra i primi a naufragare. La squalifica di Mathieu Flamini lo tiene tra i titolari per Wembley, speriamo che la vicinanza di Aaron Ramsey lo rivitalizzi un po’. In queste condizioni è impresentabile.

Mathieu FLAMINI – 5
Si prende l’ennesima ammonizione, che lo terrà fuori a Wembley e dalla sfida interna con il West Ham, e in generale è confusionario e poco efficace. A sua discolpa bisogna dire che si trova spesso sulla trequarti avversaria, territorio in cui non è certo a proprio agio.

Santi CAZORLA – 3
Evanescente, non trova una zolla di campo che sia una in cui produrre qualcosa. Ci prova a destra, a sinistra, in mezzo a ridosso di Olivier Giroud o in posizione di regista arretrato ma non ne azzecca una. Passaggi sballati, dribbling falliti e nessuna conclusione a rete – lui che dalla distanza saprebbe come fare male.

Tomas ROSICKY – 4
La solita energia, la solita confusione. A volte vuole accelerare talmente tanto che si ritrova solo, nemmeno i suoi piedi riescono a seguire. Però almeno è tra i pochi a lottare, seppur senza efficacia alcuna.

Lukas PODOLSKI – 5
C’è di bello che non ha paura di tirare in porta, azione sconosciuta dalla maggior parte dei giocatori dell’Arsenal. A volte esagera, però è il più pericoloso tra i nostri. Non difende per niete, abbandonando Nacho Monreal al proprio destino, e per questo finirà fuori squadra a Wembley. O giocherà centravanti.

Olivier GIROUD – 3
Inutile, perde praticamente ogni pallone che tocca. Servito poco e male, come accade spesso, però è il primo responsabile delle proprie sfortune perché oltre al gioco spalle alla porta non ha nulla da offrire. Forse partire dalla panchina e giocare solo venti minuti potrebbe fargli bene.

Alex OXLADE-CHAMBERLAIN – 6
Basta poco per capire che ha la velocità e l’intraprendenza per creare qualcosa, la sua presenza a Wembley sembra scontata a questo punto. O almeno è quello che spero. Si è guadagnato un rigore che per non so quale motivo non è stato fischiato.

Aaron RAMSEY – 6
È stato fuori tre mesi e mezzo ed è sembrato il più in forma tra i Gunners.
Il che fa paura, molta paura.

Yaya SANOGO – 6
Segna il suo primo gol ufficiale, annullato per un fuorigioco inesistente. Offre quella mobilità che Olivier Giroud non può più dare, a mio avviso è giunta la sua ora perché con un Olivier Giroud così è difficile credere di poter far male.

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti