martedì 15 aprile 2014

Preview, Arsenal vs. West Ham: basta pensare alla FA Cup, sotto con la corsa alla prossima Champions League


Per quanto possa essere complicato e ingiusto, è già ora di mettere da parte l’adrenalina e la gioia generate dalla sofferta vittoria in semifinale di FA Cup e tornare a concentrarsi sul campionato.
Nello specifico, è ora di restare alle calcagna dell’Everton, pronti a sfruttare il minimo passo falso che gli uomini di Roberto Martinez compieranno – almeno si spera.

Stasera all’Emirates Stadium sbarca il West Ham di Sam Allardyce e Andy Carroll, due dei clienti più ostici per l’Arsenal: il primo per i modi pragmatici delle squadra che ha allenato, spesso risultati indigesti ai Gunners, il secondo per lo strapotere fisico che ha esposto tanti difensori dell’Arsenal alle peggiori figure.
Non bastasse, tanti degli uomini di Arsène Wenger saranno verosimilmente esausti dopo la lunga battaglia di Wembley e i ricambi in casa Arsenal non abbondano mai – come sappiamo fin troppo bene.
Ovvio quindi che la questione principale nel nord di Londra è sapere chi sarà disponibile per la partita di stasera e soprattutto in quali condizioni.
In tal proposito purtroppo Arsène Wenger ha dato poche notizie durante la sua abituale conferenza stampa, confermando che molti giocatori sarebbero stati valutati nell’immediato pre-partita e solo in seguito sarebbero state prese le decisioni finali.
Difficile prevedere quindi quali saranno gli uomini scelti dal manager alsaziano, i pochi sicuri di essere arruolabili e pronti a partire titolari sembrano essere Olivier Giroud, Kim Källström e Carl Jenkinson, mentre sembrano avere buone possibilità di rientrare sia Tomas Rosicky che Laurent Koscielny.
Spero – ma non ci conto troppo – che Aaron Ramsey non venga immediatamente buttato nella mischia per un’altra partita che si preannuncia intensa, anche se ciò dovesse compromettere il ritrmo di gioco e l’imprevedibilità della squadra questa sera: il gallese è stato fermo tre mesi, ha combattuto come un leone dal primo al centododicesimo minuto della semifinale di FA Cup appena tre giorni fa ed è stato menzionato tra i giocatori ancora in dubbio da parte di Arsène Wenger, quindi spero parta dalla panchina e non venga corso nessun rischio con lui.
Vedrei bene una staffetta tra lui e Mikel Arteta, un altro dei giocatori non in perfette condizioni, al fianco di Kim Källström, così come vedrei Carl Jenkinson titolare con Bacary Sagna in panchina dopo le tante partite giocate ultimamente.
Infine credo che Lukasz Fabianski meriti di continuare come portiere titolare, non fosse altro che per la carica che ha sicuramente addosso dopo i rigori parati a Wembley.

Comunque sia, al di là di chi sarà pronto per scendere in campo, la missione degli uomini di Arsène Wenger sarà solo una – ovvero stoppare qualsiasi rifornimento aereo verso Andy Carroll: fatto quello, metà della partita è già vinta.
Toccherà al nostro BFG occuparsi di duellare con l’attaccante inglese, il resto della squadra farà bene ad essere reattiva sui palloni vaganti e pronta a prendere il rimbalzo – come si direbbe a pallacanestro.
Sarà una sfida difficile quella di stasera perché la squadra è stanca, l’avversario è in forma e la pressione è ancora una volta tutta sulle nostre spalle.

Sono curioso di vedere come reagirà la squadra, chissà che Wembley non abbia finalmente fatto scattare una molla all’interno del gruppo e restituito quella fiducia che manca da troppo tempo.

Questa la formazione che potrebbe scendere in campo questa sera all’Emirates Stadium:



Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti