28 maggio 2014

Olivier Giroud a ruota libera per Midi Libre. Tra voglia di migliorare e un rinnovo dietro l'angolo...



Approfittando degli impegni con la Nazionale francese, impegnata a preparare al meglio il mondiale in Brasile, Olivier Giroud ha fatto il punto sulla stagione appena conclusasi in casa Arsenal.
La vittoria in FA Cup, il crollo in campionato e le proprie prestazioni in campo – oltre che i problemi al di fuori di esso.
Con una piccola rivelazione circa il suo futuro...

27 maggio 2014

ClockEnd Italia Player of the Season: and the winner is…



L’elezione del Giocatore dell’Anno ha registrato un affluenza record (altro che europee e amministrative!) ed eccoci arrivati al momento dello spoglio.
Gli exit-poll davano un vincente certo, le prime proiezioni sembravano confermare la tendenza e – ora che lo spoglio di tutte le circoscrizioni si è conluso – possiamo finalmente annunciare il vincitore dell’ambito riconoscimento.

Partendo ovviamente dal terzo posto, in un crescendo che vi terrà tutti incollati allo schermo, madidi di sudore...

23 maggio 2014

Bacary Sagna al passo di addio, chi lo sostituirà? I prescelti sembrano cinque...



Nonostante il coro lanciato da Theo Walcott e cantato a squarciagola dai 260’000 tifosi accorsi a festeggiare la vittoria della FA Cup; nonostante la campagna mediatica lanciata su tutti i social network possibili ed immaginabili e nonostante l’offerta di contratto migliorata messa sul piatto dal Club, sembra sempre più inevitabile che Bacary Sagna dica addio all’Arsenal per accasarsi al Manchester City – dove probabilmente non giocherà con continuità ma dove di sicuro metterà le basi per una pensione dorata.
No, non per lui – che ha risolto il problema quando ha firmato per l’Arsenal sette anni fa – ma piuttosto per i suoi propropropropropropropropropropropropropropronipoti, che potranno guardare alla vita senza pensare a quelle cose astratte che i comuni mortali chiamano contributi.
Con i circa diciannove milioni di sterline che il francese incasserà con l’ultimo contratto professionistico della sua carriera, la settecentoquattordicesima generazione dei Sagna dovrebbe essere a posto.

22 maggio 2014

Domanda: serve una versione migliore di Olivier Giroud o una spalla per il francese?


Il mio rapporto con Olivier Giroud è indefinibile.
Raramente un giocatore è riuscito a farmi cambiare opinione tante volte quante il centravanti francese, capace di farmi passare dall’odio viscerale all’estasi nello spazio di un mese, una settimana o a volte perfino novanta minuti.

20 maggio 2014

Il Pagellone di fine stagione – Arsenal 2013/2014



La stagione è finita!
Nel migliore dei modi, oltretutto…
È arrivato quindi il momento di terminare ancora più in bellezza con il pagellone di fine anno!
Reparto per reparto, giocatore per giocatore, ecco come sono andati i nostri ragazzi durante l’anno appena conclusosi.

19 maggio 2014

Le Pagelle: Hull City vs. Arsenal 2-3


Lukasz FABIANSKI – 6
Spettatore per buona parte della partita e incolpevole sui gol avversari. L’uscita nel finale è da brividi, la prontezza sulla conclusione velenosa di Aluko all’ultimo respiro da gran portiere.

Bacary SAGNA – 7
Quella de dovrebbe essere la sua ultima apparizione con la maglia dell’Arsenal è ottima, solido in fase difensiva e propositivo in avanti. Il coro lanciato da Theo Walcott è da pelle d’oca e la dice lunga su quanto il francese sia apprezzato.

Per MERTESACKER – 6
Non domina sui palloni alti come dovrebbe e nel finale causa svariati malori con uno scivolone intempestivo (mentre scrivo sta ancora cercando di alzarsi…) però intercetta molti palloni e si trova sempre nella posizione ideale.

Laurent KOSCIELNY – 7
Il gol che riporta la gara in parità è la giusta ricompensa dopo l’incubo della finale di Carling Cup. Determinato e attento, è tra gli eroi di giornata.

Kieran GIBBS – 6,5
Il salvataggio sulla linea dopo dieci minuti gli concede il bonus per l’incredibile occasione buttata al vento. Elmohamady è il peggior cliente possibile, lui lotta dall'inizio alla fine.

Hull City vs. Arsenal 2-3: We did it, la FA Cup è nostra!



Sono serviti quasi due giorni per recuperare un livello di obbiettività accettabile prima di scrivere queste righe.
Vi avviso in anticipo, non sono ancora del tutto lucido quindi il pezzo che segue sarà un riassunto parziale di quanto successo in un pomeriggio indimenticabile, durante il quale è successo di tutto e di più: di quel tutto, ammetto di aver completamente rimosso gli aspetti più negativi.
Non sono abbastanza imparziale per chiedere le dimissioni di Arsène Wenger in seguito al successo, visto che a quanto pare avremmo dovuto vincere minimo cinque a zero perché si potesse davvero festeggiare – quindi siete tutti informati di ciò che andrete a leggere.

17 maggio 2014

Preview, Arsenal vs. Hull City: il momento è arrivato – animo ragazzi!



Il momento è arrivato, meno di sei ore al fischio d’inizio della partita più importante dell’anno.
Anzi, probabilmente degli ultimi nove anni.

A Wembley ci giochiamo la finale di FA Cup contro l’Hull City, sorpresa del torneo.
Siamo ampiamente favoriti, ovviamente. Ciò non deve rappresentare un handicap, piuttosto dovremo essere bravi nel far pesare il blasone e l’esperienza che i nostri giocatori si portano dietro al cospetto di un gruppo di giocatori non abituati a partite di questo livello e di un Club che approda alla finale di FA Cup per la prima volta nella propria storia.
La partita di questo pomeriggio può suggellare una stagione che ci ha promesso di tutto per poi lasciarci con un po’ di amaro in bocca, pur consapevoli degli enormi passi avanti compiuti dalla squadra rispetto alle ultime stagioni: in testa alla classifica per circa la metà della stagione, i Gunners hanno mostrato una grande maturità e una grande disciplina salvo perdersi nel momento clou – incassando sconfitte indigeribili ad Anfield e a Stamford Bridge.

16 maggio 2014

Wojciech Szczesny incontra Gunnerblog, l'intervista in italiano



James McNicholas, fondatore di Gunnerblog, ha incontrato Wojciech Szczesny alla vigilia della finale di FA Cup contro l’Hull City.
Una chiacchierata interessante che spazia dalla concorrenza con Lukasz Fabianski alla stagione che sta per concludersi, dalle aspettative per la stagione prossima al il suo personale giudizio su...sè stesso.
Gli spunti interessanti sono tanti, ecco l’intervista completa, tradotta in italiano, esattamente come apparsa su Bleacher Report.

09 maggio 2014

Preview, Norwich City vs. Arsenal: giochi finiti? Macché, bisogna conquistarsi una maglia per Wembley!


Noi già qualificati per la prossima Champions League.
Loro già retrocessi.

Nessuna certezza matematica, ovviamente, però mi sento di dire che un 16 a 0 per i padroni di casa a Carrow Road in concomitanza ad una vittoria per 1 a 0 dello Stoke a casa del West Brom non è la combinazione più semplice da azzeccare.
Credo sia più probabile che l’Arsenal vinca 18 a 0 a Carrow Road e il Chelsea perda a Cardiff con un autogol all’ultimo minuto di Marcel Desailly, maldestro nel deviare nella propria porta un innocuo retropassaggio di Mario Melchiot, che regala il terzo posto ai Gunners.

05 maggio 2014

Le Pagelle: Arsenal vs. West Bromwich Albion 1-0



Wojciech SZCZESNY – 6
Nessuna parata da compiere, nessun dribbling da provare sull’avversario.
Pomeriggio passato a farsi dei selfies con i raccattapalle dietro la porta.

Bacary SAGNA – 6
Probabilmente l’ultima apparizione all’Emirates Stadium. Con la maglia dell’Arsenal, intendo – perché con quella del City ci tornerà l’anno prossimo.

Per MERTESACKER – 6
L’attacco del West Brom è troppa poca cosa per il nostro Big F**king German.
Nulla di concreto da fare, si dice abbia posato per il museo di Madame Tussaud per tutto il secondo tempo.

Arsenal v West Bromwich Albion 1-0: arrivederci, Emirates Stadium!



Partiamo dalla nota positiva: se battiamo il Norwich 18 a 0 e il Chelsea perde 1 a 0 a Cardiff, il terzo posto è nostro.
Francamente, sarei deluso se la squadra non facesse lo sforzo finale, il traguardo è davvero a portata di mano.

02 maggio 2014

Preview, Arsenal vs. West Brom: ultima in casa, che il saluto sia di classe!


La partita di domenica contro il pericolante West Bromwich Albion sarà l’ultima della stagione tra le mura amiche, è d’obbligo quindi salutare il pubblico con una prestazione da vero Arsenal.
La partita in sé potrebbe avere ben poco significato qualora il Manchester City s’imponga a Goodison Park, tuttavia l’avversario sta lottando per la sopravvivenza perciò gli uomini di Arsène Wenger dovranno giocare al meglio per non influire su una corsa alla salvezza che conivolge ancora tantissime squadre nonostante manchino appena due partite alla fine del campionato.