giovedì 23 ottobre 2014

Le Pagelle: Anderlecht v Arsenal 1-2


Emiliano MARTINEZ – 7
Tutti a preoccuparsi di come l’argentino avrebbe reagito al debutto da titolare in Champions, invece il ragazzo tiene in partita la squadra nel momento più delicato. Il ricordo di Reading è pronto per la soffitta...

Calum CHAMBERS – 6,5
Soffre la velocità degli avversari, si arrangia come può per evitare guai ma deve spesso ricorrere al fallo.
Però che cross per il gol del pareggio!

Per MERTESACKER – 6,5
Decisivo sui calci d’angolo avversari, aiuta l’incerto Nacho Monreal guidandolo dall’inizio alla fine.
Puntato in velocità una sola volta, per fortuna.
 
Nacho MONREAL – 6
Fare lo stopper non è il suo mestiere, purtroppo a tratti ce lo ricorda fin troppo bene. Assente ingiustificato sul gol dei padroni di casa – come buona parte dei suoi compagni d’altronde.

Kieran GIBBS – 7
Il gol dei belga arriva dalla sua parte e lui non c’è.
Recupera alla grande con una volée perfetta che vale il pareggio e l’inizio della rimonta.

Mathieu FLAMINI – 6
Sbraita, sbraccia, grida, urla, abbaia, cade, rotola, protesta, s’arrabbia.
Ovvio che non gli resti il tempo per fare il mediano.

Jack WILSHERE – 5,5
Come sempre la volontà non manca, però il risultato finale è una partita fatta di errori e palloni buttati via.

Aaron RAMSEY – 5,5
Vedi sopra, con meno intensità e meno corsa ma più presenza in attacco.

Alexis SANCHEZ – 7 *MOTM
Chissà se si sta chiedendo come mai è l’unico a correre dappertutto e farsi il mazzo, mentre i compagni passeggiano. A volte egoista e testardo nel cercare la soluzione personale, però ogni singola occasione da gol parte dai suoi piedi. Un colpo di “testa” pericoloso, un assist per Aaron Ramsey, una punizione a fil di palo, una caramella per Santi Cazorla e l’assist finale per Lukas Podolski. Serve altro?

Santi CAZORLA – 5,5
Si divora il pallone del vantaggio a tu per tu con Silvio Proto (chi?!), per il resto della partita non trova l’ispirazione giusta e l’imprevedibilità della squadra va a farsi benedire.

Danny WELBECK – 5
Incoraggiante nei primi venti minuti, poi sparisce alla distanza. Poco assistito dai compagni, va detto.

Alex OXLADE-CHAMBERLAIN – 6,5
Entra e mostra ai compagni cosa vuol dire giocare in velocità e in maniera aggressiva. E di colpo tutti si danno una svegliata.

Lukas PODOLSKI – 7
Sei minuti in campo, una marea di controlli e appoggi sbagliati fino al gol della vittoria – inatteso e insperato. AHA!

Joel CAMPBELL – 6
Entra al posto di Mathieu Flamini, si piazza sulla sinistra e si gode la rimonta. Senza partecipare, o quasi.

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti