mercoledì 3 dicembre 2014

Preview, Arsenal v Southampton: non ci sono santi che tengano, serve un’altra vittoria



Stasera all’Emirates Stadium arriva il temibile Southampton di Ronald Koeman, terza forza del campionato dopo tredici partite giocate.

Alzi la mano chi avrebbe mai immaginato di sentire una frase del genere quando si è chiuso il mercato estivo: ceduti Lallana, Lovren e Lambert al Liverpool, Chambers all’Arsenal e Shaw al Manchester United, oltre ad aver visto il proprio manager passare sulla panchina del Tottenham, ai Saints veniva pronosticata l’inevitabile retrocessione.
Ed invece eccoli in cima alla classifica, in contatto con Manchester City e Chelsea e davanti a squadre come il Manchester United e...l’Arsenal!

Non saprei dire dove saranno gli uomini di Koeman tra tre mesi, però al momento sono uno dei nostri avversari sulla strada che porta al vertice e sarà indispensabile trattarli come tali.
Hanno la miglior difesa del campionato con nove gol subiti in tredici partite e davanti possono contare su giocatori come Pellé, trattato come un appestato in Serie A, Tadic, che ci ha fatto malissimo quando l’abbiamo incontrato e Mané, anch’egli tra i protagonisti della vittoria del Southampton all’Emirates Stadium non più tardi del Settembre scorso.
Senza dimenticare che arrivano da un filotto di quattro vittorie, un pareggio ed una sola sconfitta nelle ultime sei partite.
Non lasciamoci ingannare dal pesante rovescio interno subito nel weekend contro il Manchester City, il Southampton è molto più forte di quanto suggerisca il risultato del St. Mary’s Stadium.

Quelli che ricordano la partita di Capital One Cup sanno perfettamente che la velocità e l’organizzazione della squadra di Koeman  saranno le stesse messe in mostra quel martedì sera, quindi sarà bene stare all’erta ed evitare imprudenze – soprattutto sulle corsie.
Sarà compito dei due esterni di centrocampo – che saranno verosimilmente Alexis Sanchez e Danny Welbeck – tenere a bada i terzini ospiti e offrire quanta più protezione possibile ai propri compagni di fascia.
Allo stesso modo, Mathieu Flamini dovrà essere molto attento al girovagare di Tadic sulla trequarti ed evitare di perderlo di vista, pena ritrovarselo in piena area a raccogliere una delle sponde di Pellé; a sua volta, Per Mertesacker sarà chiamato ad un gran lavoro per arginare lo strapotere fisico dell’attaccante italiano, bravissimo nel difendere il pallone e imbeccare i compagni.

Le inside ci sono e sono tante, tuttavia anche gli ospiti avranno di che preoccuparsi: Alexis Sanchez è un pericolo costante e imprevedibile, Santi Cazorla ha ritrovato il cambio di passo e le giocate che lo rendono difficile da controllare e là davanti sia Olivier Giroud che Danny Welbeck costringeranno i difensori avversari ad un dispendioso lavoro fisico – che sia per lottare con il francese spalle alla porta o limitare le accelerazioni dell’inglese.
Inoltre non avranno più di fronte Isaac Hayden, Francis Coquelin, Abou Diaby e Joel Campbell ma piuttosto Aaron Ramsey, Laurent Koscielny, Santi Cazorla e Olivier Giroud – e sarà quindi tutta un’altra musica.
Detto di chi ci sarà, purtroppo dobbiamo parlare anche di chi non ci sarà o rischia di non esserci: Kieran Gibbs e Nacho Monreal sono entrambi in dubbio, lo spagnolo potrebbe recuperare in extremis mentre l’inglese probabilmente non sarà della partita. Kieran Gibbs farà quindi compagnia a Wojciech Szczesny, Mesut Özil, Theo Walcott, Mathieu Débuchy, Abou Diaby e David Ospina in tribuna, mentre Alex Oxlade-Chamberlain dovrebbe recuperare in tempo e andare in panchina.
A proposito di assenze, non è da sottovalutare l’impatto che la mancanza di Morgan Schneiderlin avrà sul centrocampo del Southampton: il francese, accostato sia a noi Gunners che al Tottenham in chiave mercato, è l’uomo che recupera più palloni di tutti tra i Saints ed è l’elemento che permette a gente come Clyne e Bertrand di spingersi in avanti senza remore.
Come si adatteranno gli ospiti questa sera?

Tra qualche ora avremo questa e tante altre risposte – tra cui la più importante: riusciremo a portare a casa tre punti?

Questi gli undici cui stasera (20:45 in Italia) Arsène Wenger chiederà di confermare le buone prove offerte contro Borussia Dortmund e West Brom:


Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti