venerdì 2 gennaio 2015

Le Pagelle: Southampton v Arsenal 2-0


Wojciech SZCZESNY – 5
Il vero errore non è tanto l’uscita du Mané, che ha portato al gol del vantaggio, ma piuttosto il pasticcio in occasione del raddoppio di Tadic: cos’era quell calcetto al pallone, in area piccola? Due buone parate lo salvano da un voto peggiore.

Mathieu DÉBUCHY – 5
Dalla sua parte il Southampton sfonda senza sosta. Poco aiutato, va in costante difficoltà contro Bertrand e Tadic (o Ward-Prowse quando Koeman inverte gli esterni). Protagonista in negativo sul secondo gol dei padroni di casa, salva il potenziale terzo sulla linea.

Per MERTESACKER – 5
Il pallonetto di Mané sembrava poterlo salvare, invece non arriva sul pallone – nonostante le gambe lunghe non gli facciano difetto...

Laurent KOSCIELNY – 5
Troppo morbido in occasione del gol d’apertura di Mané, che gli scappa via molto facilmente. Soffre come tutti i compagni, per lo meno non partecipa all’errore tragicomico che porta al raddoppio del Southampton.

Kieran GIBBS – 5
Colpevole per associazione più che responsabilità proprie, anche se dalla sua parte non oppone troppa resistenza. Nella metà campo opposta, quando ci arriva, non combina granché.

Francis COQUELIN – 5,5
Di fronte si trova Waynama, non esattamente un cliente comodo. Lotta e fa quel che può, senza mai fermarsi, però finisce col voler essere ovunque e perde lucidità.

Calum CHAMBERS – 5,5
Schierato a centrocampo, dove in molti lo vedono in futuro, si dimostra ancora troppo ingenuo per offrire le necessarie garanzie alla squadra. La volontà c’è, purtroppo il risultato non è granché.

Alex OXLADE-CHAMBERLAIN – 5
Una bella conclusione, l’unica della sua partita, per poco non vale il vantaggio ai Gunners. Una partita tutt’altro che da incorniciare, ha bisogno di tirare il fiato.

Tomas ROSICKY – 5
Volenteroso e propositivo, però non lascia traccia del suo passaggio. Attraversa la partita senza un vero sussulto.

Santi CAZORLA – 5,5
È tra i pochi a concludere a rete, però la maniera in cui si divora il gol del vantaggiop avrà un peso specifico enorme sul risultato. Conferma di essere il più in forma tra i nostri, anche se ieri non è stato decisivo quanto avrebbe potuto.

Alexis SANCHEZ – 6 *MOTM
Ancora troppo egoista, però impegna due volte Forster (una per tempo). Ha avuto la palla del pareggio ad inizio ripresa, nonostante il riflesso del portiere avversario avrebbe dovuto fare molto meglio da quella posizione.

Theo WALCOTT – 5
Entra subito dopo il raddoppio dei padroni di casa, però tocca appena tre palloni in mezz’ora.

Chuba AKPOM - sv
Entra troppo tardi per avere un qualsivoglia impatto.

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti