lunedì 2 febbraio 2015

Arsenal v Aston Villa 5-0: finalmente una goleada, quanto tempo!


Sapevate quanto tempo è passato dall’ultima volta in cui abbiamo segnato cinque gol in Premier League?
Un anno, un mese e una settimana.

Il 23 Dicembre 2013 infatti abbiamo rifilato un sonoro 5-1 al povero West Ham (doppietta di Olivier Giroud e gol di Lukas Podolski, Santi Cazorla e Theo Walcott), da allora tanti poker appioppati qua e là ma niente più manite – come dicono gli spagnoli.
Era venuto il tempo di riassaporare il gusto di una vittoria così larga.
Questa volta abbiamo addirittura fatto meglio, mandando in gol cinque marcatori diversi e mantenendo inviolata la porta.

Olivier Giroud, Mesut Özil, Theo Walcott, Santi Cazorla e Hector Bellerín hanno seppellito il sempre più pericolante Aston Villa, la cui prestazione tuttavia non meritava una tale correzione da parte dei Gunners – va detto.
Purtroppo per gli uomini di Lambert, avere di fronte tanta qualità e non avere più le gambe per chiudere gli spazi signifca esporsi automaticamente a risultati come quello di ieri pomeriggio.

Fin dai primi istanti, gli uomini di Arsène Wenger hanno chiuso gli avversari nella propria trequarti e fatto valere le proprie eccezionali doti tecniche, costringendo fin da subito la retroguardia dell’Aston Villa a recuperi affannosi.
L’impressione è che il risultato fosse scritto e che la questione principale fosse capire come e quando sarebbe arrivato il primo gol; nemmeno il più fantasioso tra noi Gooners avrebbe però potuto immaginare una combinazione come quella che ha portato al gol di Olivier Giroud: un rilancio di Per Mertesacker ha infatti innescato una giocata sontuosa di Mesut Özil, il cui colpo di tacco al volo ha mandato all’aria il fuorigioco dell’Aston Villa e aperto una prateria all’attaccante francese.
Olivier Giroud ha controllato il pallone e si è involato verso il portiere, scavalcandolo con un elegante tocco sotto proprio quando pareva aver perso l’attimo buono per concludere.

Aperte le marcature, credevo che i nostri avrebbero accelerato ancora di più e chiuso la partita già prima della fine del primo tempo, invece abbiamo più che altro sonnecchiato e controllato il pallone; facile prevedere che l’Aston Villa ne avrebbe approfittato per riorganizzarsi e provare a reagire – pur timidamente – come puntualmente successo quando un colpo di testa di Weimann ha costretto David Ospina ad una gran parata. Fortuna che il colombiano, fino a lì spettatore non pagante, ci ha messo la mano, altrimenti il primo tempo sarebbe potuto finire in parità, per quanto ampio fosse il divario tra le forze in campo.
Stesso copione anche ad inizio ripresa, durante il quale gli ospiti hanno difeso con meno affanno e tenuto il possesso del pallone per lunghi tratti, senza tuttavia mai inquietare la nostra difesa; fortuna che un’altra bella combinazione tra Olivier Giroud e Mesut Özil abbia definitivamente incanalato la partita verso acque tranquille per i Gunners, altrimenti il pomeriggio avrebbe potuto prendere una brutta piega.
Nell’occasione i ruoli sono stati invertiti, con il francese ad effettuare il passaggio decisivo e il tedesco a concludere sul palo lontano – là dove Guzan non sarebbe potuto arrivare.

Da quel momento in poi, il pomeriggio ha regalato grandi gioie: prima l’intuizione di Theo Walcott, che ha intercettato un passaggio di Santi Cazorla per Chuba Akpom e ha tagliato fuori tutta la difesa avversaria, prima di depositare in rete il suo primo gol in Premier League dopo oltre un anno; poi il rigore guadagnato da Chuba Akpom e trasformato in maniera fortunosa da Santi Cazorla; infine il punto esclamativo di Hector Bellerín, che dal limite dell’area ha trovato l’angolino lontano e firmato così il suo primo gol da professionista.

Partita archiviata con grande soddisfazione, come non succedeva da tempo, e un sacco di spunti positivi in vista del derby di White Hart Lane, tra una settimana.

Porta inviolata, terza vittoria consecutiva in Premier League e cinque gol con cinque marcatori diversi.
L’Arsenal è Sanchez-dipendente, dicevano.

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti