giovedì 26 marzo 2015

ClockEnd Italia Quotidiano, giovedì 26 Marzo 2015





I giornali parlano di noi, i siti internet parlano di noi, i social media parlano di noi: che si dice dell’Arsenal oggi? Ecco una selezioni delle notizie più interessanti che circolano oggi.
NOTA BENE: non è vero finché non è confermato dal Club. Di qualsiasi cosa si tratti.

A titolo preventivo, nessuna notizia divulgata dal Sun, dal Daily Mail e da Tuttomercatoweb apparirà mai su questo blog!


Arrivederci e buona fortuna, Semi Ajayi

Il difensore Semi Ajayi finirà la stagione al Cardiff City, come confermato dal Club tramite il proprio sito ufficiale. L’imponente centrale nigeriano ha orbitato intorno alla prima squadra per qualche tempo, senza tuttavia riuscire a debuttare ufficialmente con la nostra maglia, e ha recentemente fatto un provino con il Sunderland. Se i prossimi sei mesi dovessero rivelarsi positivi, è più che probabile che il Club gallese provi a rendere il trasferimento definitivo; in ogni caso, sembra ormai certo che Semi Ajayi continuerà la propria carriera altrove.


Chuba Akpom pronto a misurarsi con il Championship 

L’attaccante inglese, assieme a Dan Crowley il giocatore più promettente nella U21 attuale, sarà mandato in prestito in prima divisione per accumulare minuti e dimostrare tutte le proprie evidenti qualità. Corteggiato da Liverpool, Borussia Dortmund e Schalke 04 prima di mettere la firma sul rinnovo con il nostro Club, Chuba Akpom finirà la stagione al Nottingham Forest e avrà l’occasione di preparare un ritorno a casa in pompa magna l’estate prossima.
È sempre vivo l’interesse di Norwich e Blackpool, tuttavia sembra che il Club guidato da Dougie Freedman l’abbia spuntata. Toccherà a Chuba Akpom trarre il massimo da questa esperienza.


Mediani in vetrina

Sempre in chiave mercato, due giocatori che sono considerati tra gli obbiettivi di Arsène Wenger hanno rilasciato dichiarazioni interessanti alla stampa dei rispettivi paesi: Sami Khedira e Morgan Schneiderlin.
Il tedesco ha confermato a Kicker che a fine stagione lascerà il Real Madrid e partirà alla ricerca di nuovi stimoli; il giocatore non ha concesso nessun indizio circa la prossima destinazione, tuttavia pare che nella corsa ci sia anche Arsène Wenger – anche se la destinazione più plausibile sembra essere lo Schalke 04.
Per quanto riguarda invece il francese, L’Équipe riporta un’intervista all’interno della quale il giocatore del Southampton dice chiaramente che la stagione prossima non intende passare i martedì e mercoledì sera davanti alla televisione ma vorrà essere in campo (il che esclude il Tottenham dalle possibili destinazioni): se il Southampton dovesse strappare una sorprendente qualificazione ai preliminari, Morgan Schneiderlin potrebbe restare, altrimenti la sua partenza è certa.
Secondo i ben informati, il mediano francese è l’obbiettivo numero uno di Arsène Wenger per il mercato estivo.


Mesut Özil pensa in grande. Anzi, in grandissimo

Il migliore numero dieci al mondo inizia a convincersi di avere le capacità per essere tra i papabili vincitori del Pallone d’Oro. Niente di meno.
Raramente un giocatore ha diviso i tifosi quanto il tedesco, sempre a metà tra un grande giocatore e un brocco colossale; tuttavia, credo sia innegabile che il gioco del fantasista sia migliorato in maniera esponenziale nelle ultime settimane e la sua presenza è diventata palpabile all’interno della squadra.
Per arrivare al Pallone d’Oro, tuttavia, servirà un ulteriore scatto in avanti e soprattutto una squadra che abbia la sua stessa ambizione e determinazione; per quanto mi riguarda, Mesut Özil ha tutte le qualità necessarie per arrivare a quel riconoscimento e potrebbe ripetere quanto fatto da Franck Ribéry – che come sappiamo tutti avrebbe dovuto vincerlo un paio di stagioni fa.
Con Lionel Messi e Cristiano Ronaldo in giro, sarà difficile arrivare a mettere le mani sul tessòro ma di certo il talento c’è.
Un Mesut Özil determinato e affamato potrebbe farci fare un salto di qualità incalcolabile.

Per oggi è tutto, Gooners.

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti