lunedì 23 marzo 2015

Newcastle v Arsenal 1-2: la corsa continua, finalmente qualcuno dietro rallenta


Vittoria doveva essere e vittoria è stata; i Gunners sbancano St. James’ Park con un primo tempo brillante e un secondo tempo battagliero, durante il quale abbiamo concesso troppe possibilità ad un avversario che a fine primo tempo pareva già battuto.

Una doppietta di Olivier Giroud – che sale a quota diciassette gol stagionali e raggiunge Alexis Sanchez con tredici gol in campionato – aveva messo la partita su binari sicuri, tuttavia un gol concesso troppo presto ad inizio secondo tempo ci ha costretti ad una sofferenza ingiustificata.
Assente per influenza Mesut Özil e lasciati in panchina Per Mertesacker, Hector Bellerín e Theo Walcott, i Gunners hanno dominato in lungo e in largo la prima frazione, sfiorando la rete sia prima che dopo il rapido uno-due firmato dal francese; Danny Welbeck ha calciato a fil di palo dopo una bell’azione di Alexis Sanchez dopo che il cileno aveva sfiorato il gol personale.
Come detto, il secondo tempo è stato tutt’altra cosa – purtroppo: il gol a freddo di Sissoko ha riacceso un Newcastle fino a lì vicino al knock-out definitivo, costringendo David Ospina ad una serie di parate decisive e la difesa agli straordinari per contenere la rinnovata verve dei gli uomini di Carver – con Cabella e Perez tra i più pericolosi.

Il fortino ha tenuto, i nervi dei tifosi anche – quindi adesso possiamo goderci il vantaggio di sei punti sul Liverpool sconfitto in casa dal Manchester United e restare nella scia del Manchester City, sempre ad un punto di distanza.
Spazio alla sosta per le Nazionali, tra due settimane riceveremo proprio il Liverpool all’Emirates Stadium; andate, siate protagonisti con le vostre Nazionali ma soprattutto tornate integri, Gunners!

Le parole dei protagonisti
Da buon protagonista di giornata, Olivier Giroud è stato al centro delle dichiarazioni post partita di manager e compagni di squadra: Danny Welbeck ha detto che il francese “è inarrestabile al momento” e che “è imponente e forte e anche se i difensori gli stanno incollati, riesce a controllare il pallone e favorire gli inserimenti dei compagni”, mentre Arsène Wenger ha dhichiarato che “è uno dei migliori giocatori che ci siano in circolazione perchè segna, offre una presenza in attacco ed è un lottatore; sopratttutto, però, gioca per la squadra”.
Il manager ha poi parlato della partita, dicendosi soddisfatto di “aver vinto tutte e tre le trasferte recenti a Manchester, Monte Carlo e Newcastle” e sottolineando come “gli ultimi quaranta minuti sono stati difficili perchè le gambe hanno iniziato a risentire della fatica”; l’alsaziano ha poi insistito sull’importanza di affrontare una partita alla volta, smentendo categoricamente di pensare al titolo: “il Chelsea ha un ampio margine; noi abbiamo il Manchester City davanti ma anche dietro la situazione è delicata, quindi è importante vincere le nostre partite. Il Chelsea ha troppo vantaggio”
Le parole finali Arsène Wenger le ha spese per i propri giocatori impegnati con le rispettive Nazionali: “adesso arriva la sosta per le partite internazionali, durante la quale i giocatori raggiungeranno le proprie selezioni; speriamo che tutti tornino integri perchè l’affaticamento era evidente oggi.”, ha dichiarato il manager.

Speriamo davvero.

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti