venerdì 10 aprile 2015

ClockEnd Italia Quotidiano, 10 Aprile 2015



I giornali parlano di noi, i siti internet parlano di noi, i social media parlano di noi: che si dice dell’Arsenal oggi? Ecco una selezioni delle notizie più interessanti che circolano oggi.

NOTA BENE: non è vero finché non è confermato dal Club. Di qualsiasi cosa si tratti.

A titolo preventivo, nessuna notizia divulgata dal Sun, dal Daily Mail e da Tuttomercatoweb apparirà mai su questo blog!

·         Tutta l’attenzione al Burnley. O quasi.

·         Scandalo scambismo in Premier League

·         La musica pre-partita dei Gunners – un disastro!

·         La giornata mondiale dei rifiuti è OGGI

Il big-match di sabato
Volete mettere una trasferta a Turf Moor un sabato pomeriggio? Altro che semifinale di FA Cup a Wembley o derby londinese con il Chelsea all’Emirates Stadium!
Questo il messaggio che Arsène Wenger vorrebbe far passare a tutti noi, peccato che la realtà sia un tantino diversa:  in rete non si legge altro che le possibilità che ha l’Arsenal di recuperare terreno sul Chelsea in campionato o di come preparare la finale di FA Cup contro il Liverpool.
Ecco, se non vinciamo domani, tutti questi discorsi assumeranno le proporzioni che avrebbero dovuto avere fin dall’inizio: quelli del nulla.

Parliamo ancora del futuro di Theo Walcott. E ancora. E ancora. E ancora.
Theo Walcott non sarà all’Arsenal la prossima stagione.
Anzi, si.
Forse, non so.
L’ultima voce che vede protagonista l’attaccante racconta che Arsenal e Liverpool sarebbero pronti allo scambio dei bimbi capricciosi: Theo Walcott e £ 20m ad Anfield in cambio di Raheem Sterling – nientemeno.
A parte che dai tempi della cessione di Ashley Cole al Chelsea per £ 5m e William Gallas non si è più visto uno solo scambio tra l’Arsenal ed una rivale, a quanto ammonterebbe la valutazione finale di Raheem Sterling? A spanne, una cinquantina di milioni. Va bene che è forte e giovane, però sarebbe bene fare i seri ogni tanto!
Raheem Sterling sarebbe un acquisto eccellente, però non vale un investimento più elevato di quelli necessari per acquistare Mesut Özil e Alexis Sanchez.

Dopo il guru della fisioterapia, a quando uno specialista musicale?
Alcuni giocatori dell’Arsenal hanno firmato una playlist per il sito Spotify – e i risultati sono deprimenti.
Tra un fanatico di David Guetta (e non vi dico chi è), un nostalgico di LL Cool J (non vi dico nemmeno questo) e un attaccante che si carica ascoltando i Coldplay (!!!!), la sensazione che meglio accompagna la scoperta di questa lista di canzoni è essenzialmente l’imbarazzo.
Si salvano in pochi, qualcuno che va sul classico (Happy di Pharrell Williams – scelta da....) e chi opta per gli Artic Monkeys (un centrocampista, non ne saprete di più) – per il resto si ascolta per lo più hip-hop o qualche lento spagnolo.
Dove sono finiti i pezzi heavy-metal, punk e rock che dovrebbero far tremare i muri dello spogliatoio? Tomas Rosicky, portali tu sulla via della redenzione (musicale).

PS: qualche indizio per scoprire i colpevoli? David Guetta=terzino; LL Cool J= attaccante inglese; Coldplay=francese; Happy=un altro francese; Artic Monkey=un membro del British Core

Arsenal? No grazie, sto cercando di smettere
Juanfran ha rifiutato l’Arsenal perchè sta bene all’Atletico Madrid; a quanto racconta il giocatore, Arsène Wenger avrebbe messo sul piatto due offerte per convincerlo a diventare l’erede di Bacary Sagna – entrambe insufficienti. Un dramma per tutti noi Gooners, come faremo con i soli Mathieu Débuchy, Hector Bellerín, Calum Chambers e pure Carl Jenkinson a disposizione? Wenger OUT!
Non bastasse il primo rifiuto, Harry Redknapp ha rivelato che anche Loïc Rémy ci ha dato il due di picche, preferendo il Chelsea nonostante il manager gli abbia consigliato di firmare con i Gunners. O forse proprio perché Harry Redknapp gli ha detto di venire da noi. Con un contingente offensivo così ristretto, un altro attaccante sarebbe proprio indispensabile oggi!
Luis Suarez ha rivelato (ma non si sapeva già?) che è stato Steven Gerrard a consigliargli di rifiutare il trasferimento all’Arsenal. “Mi ha convinto a non accettare il trasferimento, gesti come questo mi hanno aiutato moltissimo”, ha detto il mite attaccante uruguayano; gesti come quello scivolone contro il Chelsea che è costato il titolo al Reds e lo ha convinto ad emigrare a Barcellona....mentre noi alzavamo FA Cup e Charity Shield!

Per oggi è tutto, Gooners!

3 commenti:

  1. E pensare che nei seventies negli spogliatoi circolava la musica degli Slade e degli Status Quo.....altri tempi!

    RispondiElimina
  2. David Guetta........ti rendi conto???????????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno per i miei gusti posso confidare in Rosicky ;)

      Elimina

I Vostri Commenti