sabato 4 aprile 2015

Preview, Arsenal v Liverpool: lo sprint finale comincia oggi, tutti pronti



Finalmente la Premier League torna, il minimo che si possa dire è che il ritorno è di quelli che fanno il botto: il Liverpool di Rodgers sbarca all’Emirates Stadium per giocarsi le ultime possibilità di restare in corsa per la qualificazione alla prossima Champions League.
Credo che il punto fondamentale sia proprio questo: il Liverpool è spalle al muro e rischia di finire a otto punti dal quarto posto, noi invece siamo terzi e qualsiasi sarà la risultato della sfida contro il Reds, avremo comunque un margine di manovra sufficiente per continuare la corsa alla Champions League.

Il Liverpool arriverà all’Emirates Stadium con l’acqua la gola e la pressione al massimo, noi avremo invece dalla nostra tutta la tranquillità di una squadra in forma smagliante che sa di poter mettere la parola fine al campionato del Liverpool, una delle rivali più pericolose in circolazione.

La Conferenza Stampa
Il manager del mese Arsène Wenger ha confermato che l’infermeria è ormai vuota, con il solo Alex Oxlade-Chamberlain non disponibile – a titolo precauzionale – per la sfida contro il Liverpool; l’alsaziano si è detto sorpreso dallo stato di forma di Mikel Arteta, Abou Diaby, Mathieu Débuchy e Jack Wilshere, sottolineando tuttavia che non ha ancora deciso se i quattro saranno della partita.
Incerto invece la presenza di Danny Welbeck, rispedito a London Colney alla vigilia della partita tra Inghilterra e Italia a causa di un problema al ginocchio; l’attaccante potrebbe recuperare in tempo, resta da capire se potrà partire titolare.
Arsène Wenger ha speso parole importanti per Theo Walcott, tendendo in questo modo all’attaccante inglese un ramo d’ulivo che potrebbe essere decisivo per l’esito delle trattative per il rinnovo; ancora reticente a firmare il nuovo contratto, Theo Walcott sta velocemente perdendo consensi tra i tifosi dell’Arsenal, stanchi del modo in cui il giocatore sembra tirare la corda nei confronti del Club.
Difendendolo e sottolineando le qualità mentali e tattiche, Arsène Wenger ha mandato un messaggio chiaro a Theo Walcott, ricordandogli l’importanza che quest’ultimo ricopre all’interno della squadra.

L’Avversario
Nonostante la recente sconfitta interna contro il Manchester United, gli uomini di Rodgers hanno fatto registrare cinque vittorie nelle ultime sei giornate e una serie di tredici partite senza sconfitte, iniziata dopo il sono 0-3 rimediato ad Old Trafford e interrotto dallo stesso Manchester United ad Anfield; il Liverpool ha sconfitto Spurs , Southampton e Manchester City nelle ultime settimane, quindi è un avversario che sa come affrontare uno scontro diretto.
Le assenze per squalifica di Gerrard e Skrtel influiranno non poco sulla formazione, tuttavia i recuperi lampo di Lallana, Sterling e Sturridge – tutti risparmiati dalla nazionale inglese a causa di presunti infortuni – restituiranno al Liverpool il potenziale offensivo che ha permesso ai Reds di recuperare dopo un inizio di stagione disastroso.
Ovvio che i principali pericoli arriveranno da questo trio, però anche il brasiliano Coutinho e il discontinuo Balotelli andranno tenuti d’occhio perché entrambi capaci d’inventare il colpo decisivo all’improvviso.
Per far male al Liverpool sarà fondamentale esporre i centrali difensivi, soprattutto alla luce dell’assenza di Skrtel: Kolo Touré, Sakho e Lovren non trasmettono grande sicurezza e vanno in difficoltà quando sono sotto pressione o se puntati direttamente da un attaccante; in questo senso, il lavoro di Alexis Sanchez e – perché no – Theo Walcott sugli esterni potrebbe essere determinante.

La Formazione di Arsène Wenger
Mai come in questa occasione è difficile sapere quali saranno gli uomini scelti da Arsène Wenger; nota bene, non mi riferisco unicamente agli undici titolari ma piuttosto ai diciotto convocati per la sfida contro il Liverpool, tante sono le opzioni a disposizione del manager.
Con i soli David Ospina e Olivier Giroud sicuri di partire titolari, restano nove maglie a disposizione: i primi dubbi riguardano la linea difensiva, che dovrebbe vedere Nacho Monreal nel ruolo di terzino sinistro e Laurent Koscielny al centro della difesa ma non è chiaro come sarà completata: Per Mertesacker e Gabrie si giocano il posto accanto al difensore francese, mentre Hector Bellerín deve proteggere la propria maglia dagli assalti di Calum Chambers e soprattutto del rientrante Mathieu Débuchy. Rischiare subito il terzino francese dopo un’assenza così lunga potrebbe essere rischioso, però Arsène Wenger si è detto stupito della condizione fisica dell’ex giocatore di Lille e Newcastle – non è quindi esclusa una sua presenza tra i titolari.
A centrocampo Francis Coquelin deve guardarsi dal recupero di Mikel Arteta, però sembra che il capitano non sia ancora in grado d’insidiare la maglia del mediano francese, costantemente tra  migliori in campo; al fianco di Francis Coquelin, Aaron Ramsey, Santi Cazorla, Jack Wilshere e perfino Abou Diaby si giocano un posto da titolare, con il primo ed il secondo in netto vantaggio. Aaron Ramsey offrirebbe più presenza fisica, mentre Santi Cazorla garantirebbe un maggiore controllo del pallone: quale sarà la scelta giusta? Impossibile prevederlo. Nel caso Arsène Wenger volesse schierare entrambi, allora Mesut Özil dovrebbe traslocare sulla fascia destra e spingere Theo Walcott ancora una volta in panchina – un’opzione resa possibile dai problemi fisici di Danny Welbeck e Alex Oxlade-Chamberlain, altrimenti padroni del ruolo di esterno.
L’attacco sarà certamente guidato da Olivier Giroud, accompagnato su una delle fasce da Alexis Sanchez, e potrebbe essere completato da Mesut Özil, come detto; la sorpresa potrebbe essere Theo Walcott, con esclusione di uno tra Santi Cazorla o Aaron Ramsey, anche se un recupero lampo di Danny Welbeck potrebbe rimescolare ancora una volta le carte.

Con la stessa possibilità di successo di una schedina del superenalotto, ecco gli undici che potrebbero scendere in campo domani pomeriggio alle 13:45 (ora italiana):


Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti