martedì 25 agosto 2015

Le Pagelle: Arsenal v Liverpool 0-0




Petr ČECH – 8 *MOTM
Si scalda con la parata in occasione della conclusione ravvicinata di Milner, poi sfodera due interventi fenomenali su Benteke e Coutinho, salvando la baracca. Due dei quindici punti stagionali che dovrebbe farci guadagnare sono già arrivati.  

Hector BELLERÍN – 6,5
Soffre Coutinho quando arriva dalle sue parti, lo limita nella maggior parte dei casi ma nel finale di primo tempo se lo lascia scappare; per fortuna Čech e il palo evitano il peggio. Propositivo in attacco, anche se troppo spesso ignorato.

Calum CHAMBERS – 5
Un incubo nel primo tempo, troppo disinvolto con il pallone al piede e in eterna sofferenza contro Benteke. Meglio nella ripresa, quando ritrova la calma, ma la sua è una serata difficilissima.

GABRIEL – 7
Un paio di chiusure decisive, pochi fronzoli e tanta sostanza. Mentre Calum Chambers annega, lui tiene in piedi la cerniera centrale e prova ad arginare Benteke, chissà che stasera non abbia iniziato per davvero il proprio cammino all’Arsenal.

Nacho MONREAL – 6,5
Firmino non è avversario difficile da arginare, dalle sue parti succede poco o nulla in fase difensiva; in attacco è sempre propositivo, dialoga in maniera continua con Mesut Özil e Alexis Sanchez e mette in mezzo qualche pallone pericoloso.

Francis COQUELIN – 7
Decisivo nel rimediare alle indecisioni di Calum Chambers e sempre attento in fase difensiva. Protagonista nel primo tempo, si spenge nelle ripresa quando la squadra riprende il controllo del pallone e viene sacrificato da Arsène Wenger per far spazio ad Alex Oxlade-Chamberlain.

Santi CAZORLA – 5
Butta via tantissimi palloni, molti dei quali vengono regalati al Liverpool nei pressi della nostra area di rigore. Unico guizzo il pallone con cui manda in porta Aaron Ramsey, troppo poco per farsi ricordare in maniera positiva.

Aaron RAMSEY – 6,5
Segna un bel gol, annullato ingiustamente, ma sulla fascia non è efficace quanto potrebbe; spostato in mezzo nella ripresa, diventa l’anima della squadra e trascina i compagni all’arrembaggio – senza tuttavia trovare il passaggio giusto o la conclusione vincente.

Mesut ÖZIL – 6
Poco appariscente ma efficace, soprattutto nel secondo tempo quando trova più assistenza da parte di Alexis Sanchez, Aaron Ramsey e Santi Cazorla. Cerca disperatamente un movimento da parte di Olivier Giroud, che però resta immobile.

Alexis SANCHEZ – 6
Anonimo nel primo tempo, cresce nella ripresa ed è un pericolo costante per la difesa del Liverpool; manca tremendamente di concretezza quando si tratta di concludere o imbeccare un compagno, quindi in fin dei conti influisce ben poco.

Olivier GIROUD – 5
Va bene che arrivano pochi palloni, però anche lui fa poco per liberarsi dalla marcatura di Lovren e Skrtel. Non vince un duello aereo, nella ripresa ha tre buone occasioni per sbloccare il risultato ma è in ritardo di un secondo oppure calcia male.

Theo WALCOTT – 5
Rimpiazza il francese ma non si vede, incapace di trovare uno spazio alle spalle della linea difensiva. In panchina mentre il Liverpool pressa e si scopre, tenendo la linea difensiva altissima e in campo quando gli ospiti fanno le barricate. Mah...

Alex OXLADE-CHAMBERLAIN – 5,5
Impegna subito Gomez, fino a lì tranquillo vista la relativa calma di Hector Bellerín e Aaron Ramsey, e prova un paio di conclusioni da fuori, costringendo Mignolet alla parata. Un’arma indispensabile nelle partite giocate in casa, merita più spazio.

3 commenti:

  1. Una piccola curiosità: Cazorla ieri non ha sfoderato una delle sue migliori prestazioni anzi come avete sottolineato, anche a me in presa diretta, è sembrato che abbia buttato via tantissimi palloni, tuttavia ha avuto una percentuale di passaggi completati del 90.5% su 95 (non pochi) effettuati, non male per uno che ha giocato maluccio.
    Coquelin, da Gennaio ad oggi, secondo me è stato il più forte interditore al mondo (anche ieri è stato PERFETTO). Speriamo continui così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spunto molto interessante! Non ne ha persi molti, però il dove è il come pesano parecchio: perdere palla davanti all'area è impensabile per uno come lui, o almeno dovrebbe

      Elimina
  2. Due pesi due misure....alla prima di campionato il vostro MOTM (Chamberlain) ha perso palla al limite dell'area facendo subire addirittura alla squadra il gol del definitivo ko ( penso che Wenger, non solo non abbia gradito l'errore ma glielo stia facendo capire con le successive due "panche" consecutive....in queste pagelle Cazorla e Chambers hanno lo stesso voto ma quello che ha combinato l'inglese, non solo davanti ma anche dentro l'area, e la sua prestazione generale non possono essere equiparati alla partita dello spagnolo.

    RispondiElimina

I Vostri Commenti