lunedì 30 novembre 2015

Norwich City v Arsenal 1-1: rimonta concessa e infortuni, dove l’ho già sentita questa storia?


Eccoci di nuovo a commentare un risultato non esattamente in linea con le aspettative, un pareggio a casa del Norwich City che lascia un sapore molto amaro, al di là dei due punti lasciati per strada.

Gli infortuni a Laurent Koscielny (problema all’anca), Santi Cazorla (botta al ginocchio) e Alexis Sanchez (fastidio muscolare alla coscia) infatti accorciano una squadra che sembrava finalmente recuperare qualche pezzo, facendoci ripiombare in quello stato di emergenza permamenente che contraddistingue ormai la squadra – stagione dopo stagione.

Infortuni a parte, a fare rabbia è vedere come all’avversario di turno basti un tiro nello specchio della porta per segnare: il Norwich ha tirato due volte e, non fosse stato per una parata mostruosa di Petr Čech sulla deviazione fortuita di Gabriel a centro area, avrebbe probabilmente vinto – esattamente come successo una settimana fa al West Brom.
Sicuramente non è un periodo fortunato, però la linea difensiva appare fragile e sembra andare in difficoltà non appena gli avversari premono sull’acceleratore.

Ecco una cosa da correggere al volo, prima che il divario con la vetta diventi troppo grande: nonostante un mese di Febbraio orribile, durante il quale abbiamo racimolato appena due punti sui nove disponibili, restiamo a contatto con il Manchester City capolista – lontano appena due punti.
Impossibile però sperare di farla franca ogni volta, quindi Arsène Wenger e i suoi dovrebbero lavorare sulla stabilità difensiva in vista dei prossimi impegni.

Le parole dei protagonisti
A proposito di Arsène Wenger, il manager si è presentato in sala stampa per rispondere ai giornalisti e si è soffermato a lungo sui nuovi infortuni – in particolare quello occorso ad Alexis Sanchez:

“I giocatori sono qui per giocare a calcio, non per essere tenuti a riposo quando la stampa decide che devono riposare [...] Alexis dice che si tratta di una botta al muscolo, io ho paura che si tratti di qualcosa di più serio. Abbiamo svolto dei test e non presentava né rigidità né elongazioni nei muscoli della coscia, quindi era a posto.”

Arsène Wenger ha poi parlato degli infortuni di Santi Cazorla e Laurent Koscielny:

“Santi Cazorla ha ricevuto un colpo al ginocchio durante il primo, poi l’infortunio si è aggravato. Non so se abbia affaticato il legamento o se si tratti di un colpo a un nervo, la cosa preoccupante è che si è aggravato durante la partita. Laurent Koscielny invece ha subìto un colpo all’anca, non poteva più muoversi. Dobbiamo verificare entrambi”

Il manager ha poi analizzato il risultato di ieri e fatto i complimenti al Norwich, prima di concludere con qualche parola sul momento di forma della squadra:

“È stata una partita difficile. Abbiamo affrontato un Norwich in grande forma e molto concentrato. Sono stati molto organizzati e hanno sempre portato dieci uomini nella propria metà campo e noi non siamo stati abbastanza incisivi.
Forse il momento decisivo della partita è stato quando abbiamo rallentato dopo aver segnato il primo gol, permettendo loro di tornare in partita. Nel secondo tempo abbiamo dovuto lottare per restare in partita, perché eravamo un po’ stanchi [...] Direi che il Norwich ha meritato il pareggio e che il nostro pomeriggio è stato pessimo, per quanto riguarda gli infortuni.”

“Dobbiamo superare questo momento. Stiamo avendo un momento difficile con le partite contro Tottenham, West Brom e ora Norwich, dove abbiamo raccolto solo due punti ma non siamo troppo indietro, non essere troppo lontani dalla vetta nonostante un momento difficile ci lascia un’opportunità di recuperare.”

Già, almeno la vetta resta a portata di mano.
Purtroppo, però, la vetta potrebbe essere già nostra perchè i punti lasciati per strada negli ultimi due weekend gridano vendetta: i gol di Olivier Giroud contro il West Brom e quello di Mesut Özil contro il Norwich avrebbero dovuto spianarci la strada verso due vittorie – ed invece siamo tornati a casa con un solo punto.

Sabato prossimo arriva il Sunderland, prima del grande appuntamento di Atene: nonostante gli infortuni, nonostante il momento difficile, nonostante la stanchezza, serve un colpo di reni per far ripartire la stagione.

Coraggio, Gunners.

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti