venerdì 6 novembre 2015

Preview, Arsenal v Tottenham Hotspur: cancellare Monaco con un derby da ricordare



Il cinque a uno dell’Allianz Arena è lì per ricordarci che c’è tanto lavoro da fare, ancora; tuttavia, il risultato di Monaco rappresenta anche un ottimo propellente per affrontare il  secondo North London Derby della stagione e riversare sui cugini tutta la rabbia che una serataccia come quella di mercoledì ha potuto generare.
Quello visto a Monaco non è il vero Arsenal, perchè il vero Arsenal è in testa alla Premier League e gioca un calcio ben più efficace di quello visto in Baviera – oltre ad essere molto più solido ed organizzato a livello difensivo.

Spetterà al manager e ai giocatori ritrovare il vero Arsenal in tempo per la partita di domenica.


La Conferenza Stampa
Arsène Wenger ha incontrato la stampa sabato a fine mattinata, pronto a fare il punto sui tanti infortunati e dare qualche indicazione sulla partita di domenica.
In breve, ecco quanto di più interessante emerso dall’incontro con i giornalisti:

ü Laurent Koscielny dovrebbe recuperare, Hector Bellerín sarà indisponibile

ü Petr Čech è tra i migliori portieri mai visti in Inghilterra

ü Harry Kane è un ottimo giocatore ma non è un obbiettivo di mercato

ü Mantenere la continuità di rendimento da Gennaio 2015 sarà fondamentale

L’Avversario
Il Tottenham arriva all’Emirates Stadium in forma smagliante, forte della vittora casalinga contro l’Anderlecht in Europa League e dei dieci risultati utili consecutivi in Premier League; Kane ha ritrovato la via del gol, Eriksen una certa ispirazione, Lamela una buona brillantezza e di conseguenza il Tottenham è un avversario in grado di trovare il gol in qualsiasi momento.
D’altro canto – come dimostrato ampiamente dall’Anderlecht giovedì sera – gli Spurs non godono certo della stessa efficacia quando si tratta di difendere: i due laterali non stanno attraversando un gran momento, Dier e Mason si ritrovano spesso soli a centrocampo e dietro sia Alderweireld che Verthongen (oltre a Lloris) sono chiamati a interventi alla disperata per tenere in piedi la baracca.
I più che probabili rientri di Walker, Démbélé e Rose daranno maggior equilibrio ai cugini, tuttavia la scarsa inclinazione di Lamela e Eriksen nel rincorrere gli avversari potrebbe essere un vero problema per i cugini in vista della sfida di domenica.

Attenzione quindi a Kane, tornato letale sotto porta e sempre in agguato lungo tutto il fronte offensivo – il che renderà difficile il lavoro dei nostri difensori.
Francis Coquelin e Santi Cazorla dovranno essere bravi a non farsi scappare Eriksen e Démbélé quando questi s’inseriranno centralmente – pronti a sfruttare una sponda dello stesso Kane.

Dall’altra parte del campo, Alexis Sanchez e Joel Campbell potranno provare a mettere in difficoltà i terzini avversari, affrontandoli continuamente uno contro uno e provando ad esporne i limiti difensivi.

La Formazione di Arsène Wenger
Confermata l’assenza di Hector Bellerín, la buona notizia è che Laurent Koscielny dovrebbe essere disponibile e quindi gli unici due cambi rispetto alla nostra formazione abituale saranno Mathieu Débuchy al posto di Hector Bellerín e Joel Campbell al posto di Aaron Ramsey; in linea di massima, dovremmo vedere in campo gli stessi undici che hanno perso a Monaco – un po’ per mancanza di alternative e un po’ per sfruttare la voglia di rivalsa dopo una prestazione così brutta.
Una variante possibile, tuttavia, vedrebbe Gabriel schierato al posto di Per Mertesacker – nell’ottica di compensare la velocità persa con l’assenza di Hector Bellerín e schierare un centrale più rapido sulla parte destra del campo; personalmente credo che alla fine il tedesco sarà regolarmente in campo, però quella di schierare Gabriel potrebbe essere un’opzione valida.

Avanti con Petr Čech in porta, Mathieu Débuchy, Per Mertesacker, Laurent Koscielny e Nacho Monreal in difesa.
A centrocampo la coppia formata da Francis Coquelin e Santi Cazorla sarà confermata, così come Mesut Özil nella posizione di trequartista e Alexis Sanchez sulla fascia sinistra.
Per quanto riguarda la fascia destra, Joel Campbell dovrebbe avere un’ulteriore possibilità per dimostrare di meritare la maglia dell’Arsenal e il grande lavoro difensivo svolto contro Swansea e Bayern Monaco non sarà certo passato inosservato; le alternative si chiamano Mathieu Flamini e Alex Iwobi, credo quindi che il costaricense abbia ottime possibilità di giocare il North London Derby.
La formazione sarà completata da Olivier Giroud, che guiderà l’attacco e proverà a mantenere viva la serie che lo ha visto segnare un gol nelle ultime tre partite di Premier League.

Questi gli undici che Arsène Wenger dovrebbe mandare in campo domenica alle 17 (ora italiana):


Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti