mercoledì 30 dicembre 2015

Alla scoperta di Mohamed Elneny, nuovo arrivo in casa Arsenal


Nonostante il rischio che l’affare resti sospeso nell’aria e che l’Egiziano resti per sempre in attesa di completare le visite mediche – Gonzalo Higuaín docet – vi propongo un profilo di Mohamed Elneny, centrocampista del Basilea dato come arrivo sicuro non appena la sessione invernale del mercato si aprirà.

 La Storia
Sbarcato a Basilea dal Al-Mokawloon, dov’è cresciuto al fianco di Mohamed Salah – che definisce un vero fratello – Mohamed Elneny ha impiegato un po’ di tempo prima di fare breccia nella squadra allora allenata da Murat Yakin; una volta entrato, però, non è più uscito.
Che l’allenatore fosse Murat Yakin, Paulo Sousa o Urs Fischer, attuale tecnico dei rossoblu di Basilea, il suo nome è una costante nell’undici di base e il suo status di titolare inamovibile non è mai stato scalfito.

Nonostante gli appena 23 anni, Mohamed Elneny conta già una buona esperienza internazionale sia grazie agli impegni europei del Basilea che per la partecipazione alle Olimpiadi di Londra con la Nazionale egiziana – di cui è un punto fisso e della quale rappresenta il futuro, a detta di tutti.

Giovane ma già esperto, sconosciuto ma con un discreto potenziale, Mohamed Elneny è l’archetipo dell’acquisto firmato Arsène Wenger.
Resta da capire se si tratterà di un acquisto allo Nacho Monreal o alla Amaury Bischoff...

Il Giocatore
Centrocampista dotato di buona tecnica, Mohamed Elneny non è esattamente il mastino da piazzare in mediana per fermare – costi quel che costi – gli attacchi avversari; in quest’ottica, aspettarsi che sostituisca Francis Coquelin vorrebbe dire andare incontro ad una delusione certa.
Più versatile rispetto ad un mediano classico, l’egiziano preferisce partire basso e dare il via alla manovra, prima di lanciarsi in avanti e magari provare la conclusione da lontano; non è un regista classico alla Andrea Pirlo, perchè molto più dinamico, può essere prezioso grazie alla precisione dei suoi lanci lunghi e all’ottima visione di gioco – che lo hanno reso indispensabile alla manovra del Basilea, dove gioca centrocampista basso in un classico 4-5-1.
Per quanto riguarda i difetti, Mohamed Elneny pecca a volte di disciplina e si lascia attirare troppo dal pallone – spingendosi in avanti quando sarebbe più saggio restare più arretrato; a 23 anni, è normale che il giocatore non sia un prodotto finito e quindi qualche errore dovrà essergli perdonato.

In sostanza, il potenziale è davvero interessante ma resta da capire se e come l’Egiziano si adatterà ai nuovi compagni e alla Premier League.
Mohamed Elneny fa parte di quei giocatori che si notano molto di più quando NON sono in campo, quindi il suo compito sarà ancora più difficile perchè non saranno una giocata estemporanea o un colpo di genio a far innamorare i tifosi.
A Basilea – dove sono stati abituati a giocolieri come Xherdan Shaqiri, Mohamed Salah o Breel Embolo – ci hanno messo un po’ a capirne le qualità ma da allora è diventato uno dei giocatori preferiti al Sankt Jakub-Park.

Speriamo che la stessa cosa si ripeta con l’esigentissimo pubblico dell’Emirates Stadium...



Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti