giovedì 28 gennaio 2016

È arrivato il momento di Mohamed Elneny?


Arrivato ufficialmente il 14 Gennaio scorso, dopo una trattativa molto complicata e qualche intoppo burocratico, il centrocampista egiziano non ha ancora messo piede in campo; in panchina già contro lo Stoke City, l’ex giocatore del Basilea non è riuscito a convincere Arsène Wenger a lanciarlo nella mischia contro il Chelsea – quando il manager gli ha preferito Mathieu Flamini ed Aaron Ramsey.
Non esattamente una scelta azzeccata, si potrebbe dire a posteriori...

La prova del nove, tuttavia, potrebbe finalmente arrivare sabato, quando affronteremo il Burnley all’Emirates Stadium in occasione del quarto turno della FA Cup; a prima vista, sembrerebbe l’occasione ideale per concedere il sospirato debutto a Mohamed Elneny, tuttavia i rientri di Francis Coquelin e Tomas Rosicky, oltre alla presenza in squadra di Mikel Arteta, Mathieu Flamini e Aaron Ramsey, obbligano ad una certa prudenza.

lunedì 25 gennaio 2016

Le Pagelle: Arsenal v Chelsea 0-1


Petr ČECH – 7
Bravissimo su Willian e Diego Costa, sicuro in uscita – che sia alta o bassa; nel finale si lancia in avanti sull’ultimo corner, sarebbe stato un sogno troppo grande.....

Hector BELLERÍN – 6,5
Oscar è un cliente scomodo ma lo spagnolo gli mette la museruola quasi subito. Molto propositivo in attacco, non sempre servito a dovere.

Per MERTESACKER – sv
Nemmeno venti minuti in campo, poi il cartellino rosso: c’è stato contatto con Diego Costa? Avrebbe fatto meglio a lasciar andare lo spagnolo e mantenere l’equilibrio numerico? Chissà...

Arsenal v Chelsea 0-1: Una sconfitta che brucia e semina dubbi



Minuto 17, Willian approfitta di una scivolata inopportuna di Aaron Ramsey per scatenarsi in contropiede, attraversare il campo a grandi falcate e imbeccare Diego Costa, sul filo del fuorigioco; lo spagnolo controlla il pallone e lo spinge oltre Per Mertesacker, che in difficoltà opta per la scivolata alla disperata: il pallone è già lontano, l’attaccante rotola al suolo e Clattenburg estrae il rosso diretto.
C’è stato contatto? Probabilmente si, anche se molto leggero – il carpiato di Diego Costa serve a far spostare l’ago della bilancia verso il rosso, anziché il giallo.

Da lì, è diventata una partita estremamente complicata.

giovedì 21 gennaio 2016

Dieci anni di Theo Walcott, qual è il bilancio?



Ieri, 20 Gennaio 2016, Theo Walcott ha festeggiato i dieci anni di permanenza all’Arsenal; in generale, questo traguardo viene raggiunto da giocatori fondamentali per una squadra, autentiche bandiere che hanno speso una grossaporzione della propria carriera indossando la stessa maglia e che hanno contribuito a scrivere un pezzo di storia del Club.

Nel caso di Theo Walcott, questo decimo anniversario è diverso.

domenica 17 gennaio 2016

Preview, Stoke City v Arsenal: a Mordor per conquistare di nuovo la vetta


Le vittoria del Manchester City contro il Crystal Palace e il pareggio del Leicester City contro l’Aston Villa ci lasciano un solo risultato a disposizione: la vittoria.
Impresa non semplice, in quel di Stoke-on-Trent: da sempre, o per la meno dai tempi di Tony Pulis, il Britannia Stadium è stato avaro di soddisfazioni ma pregno di pessimi ricordi – primo tra tutti la doppia frattura di tibia e perone che ha rischiato di stroncare la carriera di Aaron Ramsey.
É esattamente da quel 27 Febbraio 2010 che, sinistramente, non vinciamo a casa dello Stoke City, da allora sono arrivate solo sconfitte, intervallate da un paio di pareggi.

giovedì 14 gennaio 2016

Le Pagelle: Liverpool v Arsenal 3-3



Petr ČECH – 6
Non è chiamato a parate particolarmente complicate, sui tre gol può poco o nulla: preso in controtempo in occasione del vantaggio ospite, prova a deviare le conclusioni di Firmino e Allen ma non ha successo.

Hector BELLERÍN – 5,5
Non troppo sicuro dalla sua parte, poco solido in difesa e non pervenuto in attacco. Giornata non brillante dopo lo spettacolo della FA Cup.

Per MERTESACKER – 6,5
Rimanda il pareggio dei padroni di casa con un grande intervento nell’area piccola, dei due centrali è quello più attento e decisivo.

Liverpool v Arsenal 3-3: spettacolo e qualche rimpianto ad Anfield

Il pareggio concesso ad una manciata di minuti dalla fine lascia un certo amaro in bocca, siamo d’accordo, però sarebbe riduttivo analizzare la partita solamente in funzione della stoccata di Allen.
Il carattere e la determinazione grazie ai quali siamo stati capaci di raddrizzare la partita in occasione dei due gol di Firmino confermano che la squadra è forte, a livello mentale; i pochissimi rischi corsi da Petr Čech tra il gol di Olivier Giroud e quello di Allen, suggeriscono che la pressione del Liverpool è stata assorbita bene, almeno fino alla disattenzione fatale che ha portato al pareggio dell’ex centrocampista dello Swansea.

mercoledì 13 gennaio 2016

Preview, Liverpool v Arsenal: si può fare, Gunners!


Non vorrei sembrare arrogante, però stasera si può vincere ad Anfield.
Non vuol dire che vinceremo, però è difficile immaginare una situazione più favorevole per portare a casa tre punti da una trasferta così insidiosa.
Raramente ho visto una squadra con più infortunati della nostra, eppure il Liverpool attuale è riuscito nell’impresa: senza Coutinho, Lovren, Skrtel e Sturridge, più Touré e Sakho in dubbio, i Reds sono davvero ridotti all’osso.

lunedì 11 gennaio 2016

Le Pagelle: Arsenal v Sunderland 3-1



Petr ČECH – 6
Serata tranquilla, rovinata dall’errore di Laurent Koscielny che spiana la strada a Lens per il gol del vantaggio. Il portierone ceco è incolpevole.

Hector BELLERÍN – 7,5 *MOTM
Due assist nel finale di partita, due cross perfetti come non se ne vedevano da qualche settimana. Bentornato ai livelli che gli competono.

GABRIEL – 6
Il Sunderland punge poco, in attacco lo si vede molto meno del solito.

Arsenal v Sunderland 3-1: qualificazione e gol dopo la paura


La qualificazione è raggiunta, questo il dato più importante emerso dalla sfida contro il Sunderland; sarebbe potuto essere più semplice, soprattutto alla luce della formazione scelta da Arsène Wenger, però l’importante era passare al turno successivo ed evitare un replay.
Missione compiuta, quindi, grazie ai gol di Joel Campbell, Aaron Ramsey e Olivier Giroud.

Ora si può pensare alla trasferta di Anfield e a come affrontare una squadra, quella di Klopp, capace del meglio come del peggio.

sabato 9 gennaio 2016

Preview, Arsenal v Sunderland: ricomincia la FA Cup, occhio ai gatti neri



Non so quanto sia benvenuto questo terzo turno di FA Cup, tra infortuni, partite importanti all’orizzonte e le voci di mercato che si rincorrono, però il fascino del trofeo più antico del mondo è sempre tale da rendere impossibile un ridimensionamento dell’impegno di questo pomeriggio.

Certo, mercoledí ci aspetta il Liverpool, ad Anfield; certo, nel giro di poche settimane affronteremo Chelsea e Barcellona; certo, a centrocampo siamo rimasti in pochi però anche solo l’idea di essere eliminati immediatamente dalla FA Cup mette profondamente a disagio.

lunedì 4 gennaio 2016

Le Pagelle: Arsenal v Newcastle 1-0


Petr ČECH – 7 *MOTM
Le basi per la vittoria le mette lui con due parate straordinarie, soprattutto quando Wijnaldum si presenta tutto solo in area. Altra prestazione super per il portiere ex-Chelsea.

Hector BELLERÍN – 5,5
Troppi cross sbagliati per meritare la sufficienza, un terzino con i suoi piedi deve fare di più quando è tutto solo sulla fascia.

Per MERTESACKER – 6,5
Spazza via tutti i pericoli che passano dalle sue parti, nonostante Mitrovic sia un cliente molto difficile.

Arsenal v Newcastle 1-0: Gunners in sofferenza ma sempre in testa alla Premier


È stata molto dura, forse più del previsto e certamente molto più di quanto i quindici minuti iniziali potessero suggerire; avessimo trovato il gol subito, quando il Newcastle era assolutamente incapace di prendere le contromisure necessarie per arginare Hector Bellerín, Mesut Özil e Alex Oxlade-Chamberlain, adesso staremmo probabilmente commentando una vittoria molro più facile.


Il non aver capitalizzato il dominio iniziale, unito alla stanchezza accumulata in questo periodo così intenso e alla frustrazione generata da qualche errore di troppo, hanno reso la sfida contro i Magpies terribilmente complicata.

sabato 2 gennaio 2016

Preview, Arsenal v Newcastle: Gunners in campo per confermarsi in testa alla Premier League

Conquistata la vetta grazie alla vittoria contro il Bournemouth – e al pareggio a reti inviolate tra Leicester e Manchester City – i Gunners hanno oggi la possibilità di mantenere il comando della classifica, a patto di sconfiggere un Newcastle United che fatica a trovare continuità di risultati e continua a restare pericolosamente vicino al fondo della classifica.

Missione abbordabile, teoricamente parlando, non fosse per la grande imprevedibilità di una squadra che – pur non avendo una vera identità di gioco – dispone di giocatori in grado di fare la differenza se in giornata ispirata, come dimostrano le recenti vittorie contro Tottenham e Liverpool.

Attenzione inoltre a non prendere sottogamba un avversario visibilmente in difficoltà, ferito dalla sconfitta contro il West Brom che avvicina sempre di più lo spettro della retrocessione.

La Conferenza Stampa

ü Mathieu Flamini potrebbe recuperare in tempo, però resta in dubbio

ü Mikel Arteta ha ripreso gli allenamenti, Tomas Rosicky rientra tra tre settimane

ü Alexis Sanchez è recuperato, però tornerà contro il Sunderland in FA Cup

ü Ci sarà ancora turnover rispetto alla vittoria contro il Bournemouth

ü Sarò molto occupato in Gennaio, non è impossibile che Débuchy lasci

L’Avversario

Terzultimi in classifica, i Magpies di McClaren sono reduci da due sconfitte di misura contro Everton e West Bromwich Albion – entrambe arrivate con un gol di testa nelle battute finali.
Il capitano Coloccini si è lamentato delle due sconfitte consecutive e soprattutto del fatto che la squadra abbia dovuto difendere per lunghi tratti, in entrambe le partite, con l’ovvia conseguenza che la squadra dovesse cedere prima o poi.
I problemi di Elliott alla vigilia della partita contro il West Brom hanno permesso al giovane Darlow di effettuare il debutto in Premier League, tuttavia l’esperto portiere del Newcastle dovrebbe recuperare il proprio posto da titolare, oggi all’Emirates Stadium; in difesa saranno confermati Coloccini, Mbemba, Janmaat e Dummett, con Anita e Colback a dirigere le operazioni a centrocampo e i due giocatori più talentuosi del Newcastle – Sissoko e Wijnaldum – ad agire sulle fasce.
Per quanto riguarda l’attacco, resta da capire se McClaren vorrà giocare con due attaccanti puri – in qual caso schiererebbe Mitrovic e Perez – oppure lasciare un uomo tra centrocampo e attacco, favorendo un assetto più coperto: dovesse essere questa la scelta finale, Wijnaldum potrebbe giocare alle spalle di Perez e Thauvin prendere il suo posto sulla fascia sinistra.

Il contropiede sarà l’arma principale del Newcastle all’Emirates Stadium, quindi sarà importante che a centrocampo non vengano lasciati troppi spazi alle ripartenze di Wijnaldum, Thauvin, Sissoko e Perez.

La Formazione di Arsène Wenger
Poche novità in casa Arsenal, come sempre a causa dei tanti infortuni che hanno ridotto il contingente dei centrocampisti all’osso: Mikel Arteta, Francis Coquelin, Santi Cazorla, Jack Wilshere e Tomas Rosicky sono tutti indisponibili, mentre Mathieu Flamini ha una minuscola possibilità di recuperare e resta quindi in forte dubbio per la partita di questo pomeriggio.

Gli unici cambi possibili, rispetto alla vittoria contro il Bournemouth, potrebbero quindi riguardare difesa e attacco: Joel Campbell, Nacho Monreal e Laurent Koscielny, freschi del turno di riposo concesso loro in occasione dell’ultima partita dell’anno, ritroveranno molto probabilmente una maglia da titolare – mentre a riposare potrebbero essere Hector Bellerín, Per Mertesacker e Olivier Giroud, con Mathieu Débuchy pronto a rilevare lo spagnolo, Gabriel confermato al centro della difesa e Theo Walcott in versione centravanti al posto del francese.
Nonostante le voci di mercato insistenti, infatti, non è escluso che Arsène Wenger conceda una possibilità al terzino francese – impaziente di trovare minuti di gioco in vista dell’Europeo 2016 in Francia.

In porta ci sarà ovviamente Petr Čech, l’uomo dai 170 clean-sheets in Premier League, protetto da una linea difensiva composta da Mathieu Débuchy, Gabriel, Laurent Koscielny e Nacho Monreal; il duo di centrocampo sarà ancora composto da Calum Chambers – sorprendente contro il Bournemouth – e Aaron Ramsey, con Joel Campbell, Mesut Özil e Alex Oxlade-Chamberlain ad agire alle spalle di Theo Walcott.

Questi quindi gli undici che Arsène Wenger dovrebbe mandare in campo questo pomeriggio alle 16 (ora italiana):