giovedì 14 gennaio 2016

Liverpool v Arsenal 3-3: spettacolo e qualche rimpianto ad Anfield

Il pareggio concesso ad una manciata di minuti dalla fine lascia un certo amaro in bocca, siamo d’accordo, però sarebbe riduttivo analizzare la partita solamente in funzione della stoccata di Allen.
Il carattere e la determinazione grazie ai quali siamo stati capaci di raddrizzare la partita in occasione dei due gol di Firmino confermano che la squadra è forte, a livello mentale; i pochissimi rischi corsi da Petr Čech tra il gol di Olivier Giroud e quello di Allen, suggeriscono che la pressione del Liverpool è stata assorbita bene, almeno fino alla disattenzione fatale che ha portato al pareggio dell’ex centrocampista dello Swansea.


Questo per quanto riguarda gli aspetti positivi.

Al contrario, alcune cose non hanno funzionato bene – soprattutto a centrocampo: Aaron Ramsey è un ottimo tuttocampista, però non sembra adatto a far coppia con Mathieu Flamini perchè i due non trovano il modo di rendere il centrocampo più solido; tra il gallese che non resiste alla tentazione di lanciarsi in avanti e il francese che si lascia attirare dal pallone e non resta incollato alla propria zona di competenza, lo spazio davanti alla difesa resta spesso scoperto.
In questo senso, l’assenza di Francis Coquelin pesa moltissimo.
Essendo il suo rientro ancora lontano – come quello di Santi Cazorla, del resto – è fondamentale trovare una soluzione rapida a questo problema, tuttavia Arsène Wenger non dispone di molte alternative.

Vedremo, forse Mohamed Elneny – il cui arrivo è stato ufficializzato questa mattina – sarà la soluzione a questo problema, anche se pare difficile.

Le parole dei protagonisti
Arsène Wenger è sembrato soprattutto amareggiato, in sala stampa: il pareggio concesso a tre minuti dalla fine pesa molto sull’umore del tecnico.

Queste le parole del manager francese:
“Provo frustrazione per il risultato ma non per la prestazione,  anche se siamo stati un po’ apprensivi. Nei primi venti minuti siamo stati troppo passivi, però abbiamo recuperato in maniera convincente. Dopo il gol del 2-1 abbiamo dimostrando grande carattere segnando il 2-2 e il 3-2. La frustrazione deriva dal fatto che sul 3-2 ci sono state occasioni che avremmo dovuto segnare il 4-2 ma abbiamo preso decisioni sbagliate. La frustrazione viene da lì, il fatto di concedere il pareggio all’ultimo minuto può succedere in Inghilterra durante una partita giocata da due squadre che hanno dato assolutamente tutto. Abbiamo dimostrato grande carattere, ancora una volta, e torniamo a casa con un punto. Se guardiamo ai risultati più recenti, si capisce che il campionato è molto bilanciato e qualsiasi partita è complicata.”

“ I giocatori devono trasformare la frustrazione di stasera in motivazione per la prossima partita. Ci sono un sacco di aspetti positivi in questo pareggio, molti più di quanti non siano quelli negativi. La prestazione ed il risultato di stasera dovrebbe fortificare la nostra convinzione di poter raggiungere grandi risultati in questo campionato.”

Parlando poi dei singoli, Arsène Wenger ha elogiato Olivier Giroud – pur con qualche riserva:
“Ha avuto molte opportunità ma è stata una buona prova, in generale. Non è stato facile per lui a volte, è stato chiamato a molte battaglie in attacco e ha dovuto proteggere il pallone e lottare contro i due centrali di difesa sui palloni lunghi. È stato molto prezioso per noi.”

Le parole finali, il manager le ha spese sul recupero di Alexis Sanchez e sull’arrivo di Mohamed Elneny dal Basilea:

“Dev’essere cauto, adesso. C’è la possibilità che sia a disposizione domenica. Sosterrà un test sabato prossimo, quindi il venerdì ed il sabato stesso saranno giorni importanti per lui. Non è impossibile che sia convocato.[...] Mohamed Elneny sarà dei nostri, vediamo se potremo averlo a disposizione già domenica”

Già, domenica.
Ci aspetta la trafserta al Britannia Stadium, dove lo Stoke City di Hughes proverà a renderci la vita impossibile, con i soliti stratagemmi.
Con la rabbia del pareggio concesso al Liverpool e un Mohamed Elneny in più, dovremo trovare il modo di espugnare uno dei campi più ostici della Premier League, per quanto ci riguarda.

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti