31 agosto 2018

Europa League, un girone abbordabile per i Gunners



Se il sorteggio del calendario della Premier League non aveva sorriso a Unai Emery, quello dell’Europa League a Montecarlo è stato molto più clemente, grazie alla mano calda di Hernán Crespo; inclusi nel girone E, infatti, i Gunners si troveranno di fronte Sporting Lisbona, Qarabag e Vorskla Poltava – avversari tutt’altro che imbattibili.

21 agosto 2018

L’Avanzata d’Autunno



Archiviate le sconfitte rimediate contro Manchester City e Chelsea, l’Arsenal continua il suo cammino in Premier League con otto partite che diranno tanto sulle reali capacità e possibilità di questa squadra.
Se lo 0-2 interno inflittoci dalla compagine di Pep Guardiola non ha permesso di mettere in luce nessun reale miglioramento nel gioco immaginato da Unai Emery, il rovescio di Stamford Bridge ha portato con sé una fase offensiva decisamente più efficace – al fronte di un pressing non sempre ben coordinato e una difesa quasi mai impeccabile.

13 agosto 2018

Una sconfitta, non un dramma



Il Manchester City sbanca l’Emirates Stadium, cortesia dei gol di Raheem Sterling e Bernardo Silva.
Come prevedibile, gli uomini di Pep Guardiola hanno fatto pesare il proprio affiatamento e la propria intesa contro un Arsenal ancora sperimentale – nell’approccio tattico ancora più che negli uomini.

Se è vero che vi erano in campo due giovanissimi come Mattéo Guendouzi e Ainsely Maitland-Niles, schierato terzino sinistro, si è trattato di un vero debutto per tutti gli uomini in campo, compreso il veterano Petr Čech; il portiere ceco ha rappresentato in pieno il cambiamento radicale che Unai Emery sta lentamente implementando sul campo d’allenamento, sottolineando i limiti attuali quando è stato chiamato a giocare con i piedi e far ripartire l’azione.
Goffo tentativo di autorete a parte, Petr Čech è apparso a disagio nel dover impostare l’azione dalla propria area e cercare di attirare a sé gli attaccanti avversari, per scomporre la linea di pressing del Manchester City.
Come lui hanno sofferto i difensori centrali e i centrocampisti, ancora troppo macchinosi e in difficoltà di fronte al pressing altissimo di Agüero, Bernardo Silva e Güngoğan, mentre sulla trequarti non sono quasi mai arrivati palloni interessanti.

10 agosto 2018

Arsenal 2018/2019, che si alzi il sipario




Il mercato è ufficialmente chiuso, per lo meno in Inghilterra, e di conseguenza possiamo finalmente parlare di calcio vero, di tattiche, di formazioni e di prestazioni.
Con le sole eccezioni di Joel Campbell, Carl Jenkinson e David Ospina, tutti i giocatori attualmente a disposizione di Unai Emery sono parte integrate del nuovo corso, compresi Aaron Ramsey e Danny Welbeck, entrambi in scadenza di contratto e potenzialmente liberi di andarsene a parametro zero l’estate prossima.
Se il gallese sembra perennemente in procinto di firmare un nuovo contratto, attorno all’attaccante inglese è caduto un silenzio molto sinistro, quindi non è impensabile che l’ex Manchester United abbia già deciso di svincolarsi dall’Arsenal.

Sono quindi 24 gli uomini effettivamente a disposizione del tecnico spagnolo, più i giovani Eddie Nketiah, Reiss Nelson e Emile Smith-Rowe; un numero accettabile, soprattutto nell’ottica di giocare quattro competizioni e applicare quindi un turnover adeguato.

Ogni reparto ha però i propri vantaggi e i propri limiti, ecco il dettaglio:

03 agosto 2018

Caro Arsenal, dobbiamo parlare



Nel momento in cui scrivo mancano esattamente sette giorni, quattro ore e quarantadue minuti all’inizio della Premier League 2018/2019.
Manchester United e Leicester City scenderanno in campo ad Old Trafford per la partita inaugurale, mentre noi dovremo aspettare fino a domenica per dare il via alla prima stagione senza Arsène Wenger.