sabato 23 febbraio 2019


Non è solo Arsenal (5°) contro Southampton (18°), è anche Manchester United (4°) contro Liverpool (2°), quindi un’occasione forse irripetibile per tornare al quarto posto e diventare di nuovo padroni del nostro destino.
La domanda è: come faremo questa volta per sprecarla?

Il Southampton non è più la squadra senz’anima e senza identità di qualche settimana fa, tuttavia giochiamo in casa e abbiamo dalla nostra un maggior tasso tecnico, quindi partiamo favoriti per la vittoria.
La qualificazione agli ottavi di Europa League dovrebbe darci lo slancio giusto per affrontare le due prossime partite di campionato, entrambe in casa, che ci porteranno fino al North London derby d’inizio marzo a Wembley.

Resta da valutare quale sarà l’impatto della partita di giovedì sera sulle gambe e sulle menti degli uomini di Unai Emery, che tra fatica e appagamento potrebbero subire qualche contraccolpo di troppo; il tecnico basco potrebbe ricorrere al turnover, con Alexandre Lacazette fresco dopo aver scontato la squalifica europea, Sead Kolašinac tenuto completamente a riposo e Lucas Torreira utilizzato solo una mezz’ora contro il BATE Borisov - mentre restano da valutare le condizioni di Ainsley Maitland-Niles, influenzato.
L’adagio dice che squadra che vince non si cambia, tuttavia non sono convinto che Unai Emery voglia confermare il 4-2-3-1 di giovedì sera, penso che possa invece tornare ad una difesa a tre, con Ainsley Maitland-Niles e Sead Kolašinac sugli esterni e Mesut Özil di nuovo in panchina.

Visto che il Southampton probabilmente schiererà il 3-5-2 abituale, che ha portato un bottino di nove punti nelle ultime sei partite e che fa dei due esterni il punto di forza -  dove Bertrand e Ward-Prowse faranno valere le loro doti atletiche - Unai Emery potrebbe essere tentato dalla possibilità di schierare una formazione speculare e giocarsela nei duelli uno contro uno, dove la nostra maggiore qualità ed esperienza potrebbero fare la differenza.

Se dipendesse da me, tuttavia, lascerei la formazione tale e quale, con due soli cambi: Alexandre Lacazette al centro dell’attacco, con Pierre-Emerick Aubameyang largo a sinistra al posto di Alex Iwobi e Lucas Torreira a centrocampo al posto di Mattéo Guendouzi.
Confermati, ovviamente, sia Mesut Özil sulla trequarti e Nacho Monreal a sinistra - che offre maggiori garanzie di Sead Kolašinac.

Resta da vedere quali saranno le scelte di Unai Emery, che non raccoglie quasi mai i miei suggerimenti.

Appuntamento questo pomeriggio alle 14 per le formazioni ufficiali, poi la diretta ed infine le pagelle.
Stay tuned!


Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti