giovedì 21 febbraio 2019


Sedicesimi di finale dell’Europa League, contro una squadra ferma da due mesi, e siamo già qui a giocarci la stagione. Come siamo arrivati a questo punto?

Una settimana fa il dilemma era se chiuderla direttamente all’andata, con tutti i titolari in campo, oppure portare a casa un risultato positivo con alcune riserve e poi archiviare la qualificazione al ritorno, all’Emirates Stadium, con appena una manciata di titolari - giusto per evitare sorprese.
Nella peggiore delle ipotesi, saremmo tornati da Borisov con un pareggio.
La sconfitta non era minimamente contemplata.

Oggi invece ci ritroviamo a dover ribaltare lo 0-1 dell’andata, rimediato nonostante tutti i titolari in campo, con all’orizzonte tre partite di Premier League in una settimana e la paura di aver già buttato via tutti i sogni di gloria dell’estate scorsa.

Niente turnover stasera, non possiamo permettercelo.
Non possiamo permetterci di non qualificarci per gli ottavi di Europa League e di farci eliminare da una squadra alla quale abbiamo dato dieci gol appena un anno fa.
Non possiamo permetterci di far riposare Pierre-Emerick Aubameyang, Granit Xhaka o Laurent Koscielny perché siamo stati capaci di perdere a Borisov contro un gruppo di giocatori fermi dal 13 dicembre scorso.

Stasera avrebbero dovuto giocare Eddie Nketiah, Joe Willock o altri giovanissimi ed invece tocca schierare di nuovo tutti i migliori - anche se tanto migliori non devono essere se sono riusciti a perdere all’andata.

A parte Alexandre Lacazette, squalificato in seguito al rosso diretto della settimana scorsa, e Ainsley Maitland-Niles, influenzato, tutti gli altri sono a disposizione di Unai Emery - al quale chiedo ancora una volta di tirare fuori il coraggio e lasciare giocare questa squadra in maniera propositiva e soprattutto offensiva.
Non è una questione di numeri o formazioni, è una questione di mentalità: si può anche giocare col 5-3-2 ma con la volontà di tenere entrambi gli esterni alti e non creare una voragine tra centrocampo e attacco - tutte cose purtroppo viste a Borisov.

Immaginando che il BATE Borisov venga a fare le barricate e data l’assenza di Alexandre Lacazette, al posto di Unai Emery opterei per un 4-2-3-1 e chiederei ai terzini di sovrapporsi ad ogni minima occasione, per portare più uomini possibili nella metà campo avversaria.
Ci sarebbe il rischio di prendere gol in contropiede, ovviamente, ma cosa abbiamo da difendere? Vogliamo davvero essere una squadra che, in casa con il BATE Borisov, si mette a fare calcoli?
Non è più la Champions League (purtroppo…), stiamo giocando in Europa League contro una squadra impreparata fisicamente e approssimativa tecnicamente alla quale non dobbiamo dare un attimo di respiro.

Fosse per me, comincerei la partita a mille all’ora come contro il Chelsea e metterei subito in chiaro che sarà una serata difficile per gli avversari - trascinandomi dietro una tifoseria che notoriamente si lascia trainare dalla prestazione della squadra e non viceversa.

La mia formazione vedrebbe Petr Čech tra i pali, protetto da Carl Jenkinson a destra, Shkodran Mustafi e Laurent Koscielny in mezzo e Sead Kolašinac a sinistra; a centrocampo metterei Granit Xhaka e Lucas Torreira, con Denis Suárez, Mesut Özil e Alex Iwobi sulla trequarti, a supporto di Pierre-Emerick Aubameyang.
In questo modo i due terzini potrebbero salire costantemente in proiezione offensiva, con Lucas Torreira e Granit Xhaka pronti a scalare nell’eventualità di un contropiede, e i due esterni d’attacco potrebbero accentrarsi per dialogare con Mesut Özil e Pierre-Emerick Aubameyang.
In panchina porterei Aaron Ramsey, anche se convalescente, assieme a Henrikh Mkhitaryan (idealmente da preservare per la partita col Southampton) a Mattéo Guendouzi e Eddie Nketiah, nel caso il fortino del BATE Borisov proprio non voglia cedere.

Io però non sono Unai Emery e il tecnico basco riesce sempre a sorprendere, in quanto a scelte di formazione, quindi appuntamento alle 17:55 per le formazioni ufficiali, poi la cronaca in diretta ed infine le pagelle.

Stay tuned!

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti