venerdì 12 luglio 2019


Questa mattina un fulmine a ciel sereno ha squarciato il cielo di London Colney. In procinto di partire per il tour negli Stati Uniti dove il club avrà i seguenti impegni:

Colorado Rapids v Arsenal, ore 03:00am – 16 Luglio
Bayern Monaco v Arsenal, ore 05:00am – 18 Luglio
Fiorentina v Arsenal, ore 00:00am, 21 Luglio
Real Madrid v Arsenal, ore 01:00am, 24 Luglio

Il club ha comunicato che il capitan Laurent Koscielny non avrebbe fatto della spedizione intercontinentale per sua ferma volontà.

La stampa, informatasi sui fatti, ha portato alla luce una situazione abbastanza pesante che da giorni si trascinava all’ interno delle mura di London Colney.
Pare – perché in questo caso va usato il condizionale poiché nessuna fonte ufficiale ha confermato i fatti così come tanti organi di stampa, alcuni autorevoli come la BBC nella persona di David Ornstein, stanno raccontando che tra Laurent Koscielny ed il club ci siano stati alcuni problemi già dalla passata stagione.
E’ stato raccontato come Koscielny fosse rimasto parecchio insoddisfatto dall’ offerta di rinnovo ricevuta dal nuovo board, basata su una parte fissa più bassa rispetto al contratto in essere e da una parte variabile da raggiungere in base alle partite disputate.

A spingerlo ulteriormente via da Londra è la scelta della sua compagna di ritornare a vivere in Francia.
I rumors infatti hanno sottolineato che l’ attuale capitano dell’ Arsenal non abbia in testa nessuna meta che non sia la Francia, così da avvicinarsi a casa.
Su di lui si sono posati gli occhi del Nizza di Patrick Vieira, del Rennes [la famiglia di Koscielny è tornata a vivere proprio in Bretagna] e del Olympique Lione di Juninho Pernambucamo che, attraverso i media vicini all’ OL, ha espresso pubblico gradimento verso il centrale.
Nonostante abbia più di un buon motivo per lasciare l’Arsenal [età avanzata, non centralità nel progetto per via degli infortuni e del ricambio generazionale, differenti vedute economiche e lontananza dalla famiglia] il gesto dell’ ex Lorient, in procinto di disputare la decima stagione indossando il simbolo dei Gunners sul petto, ha lasciato tutti di stucco e reso un po’ meno poetico il rapporto tra Koscielny, il club e la tifoseria. Neanche i giocatori più avidi e determinati ad andare via sono ricorsi a certi “mezzi” per forzare il club a lasciarli andare via.

Ho la sensazione che alla fine Koscielny andrà via proprio perché è venuto meno il rapporto di fiducia. Certamente, prima che gli si mostri l’ uscita del centro tecnico, verrà salatamente multato, privato della fascia di capitano e aggregato ad una delle squadre giovanili.

E’ improbabile che la situazione rientri, al netto di una possibile mediazione del nuovo DT Edu e dei compagni di squadra.
Unai Emery dovrà fare a meno del suo capitano e ricostruire la difesa sui giocatori attualmente al club,  con le posizioni di Chambers e Mustafi potrebbero cambiare proprio in virtù dell’ addio di Koscielny, oppure investendo soldi sul mercato, andando alla ricerca di un giocatore di almeno pari qualità.

28 giorni alla fine del calciomercato, 30 a Newcastle United v Arsenal.
Il tempo stringe.

COYG

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti