24 agosto 2019


Primo big match della stagione, in attesa del North London Derby, a casa del Liverpool. Una sfida sulla carta proibitiva, nonostante le due vittorie consecutive. Che scelte opererà Unai Emery? Riusciremo ad interrompere la pessima striscia di risultati ad Anfield, che ci ha visto perdere le ultime tre sfide, incassare dodici gol e segnarne appena due?

L’AVVERSARIO
Campioni d’Europa in carica e freschi vincitori della Supercoppa Europea. Vi basta?
Dopo essere finiti secondi in Premier League al termine di un testa a testa incredibile con il Manchester City, Klopp e i suoi si sono consolati con la vittoria della Champions League contro il Tottenham e hanno messo in bacheca la sesta coppa della loro storia. Ad Anfield ci aspettano i soliti sospetti Firmino - una delle nostre bestie più nere - Mané e Salah, mentre a centrocampo Wijnaldum sarà l’uomo da tenere d’occhio - senza tralasciare la spinta dei due terzini.
Dopo il 5-1 della scorsa stagione, unica vera batosta rimediata contro le rivali dirette, il 4-0 di due anni fa e il 3-1 di tre anni fa, il Liverpool arriva alla sfida con il morale al massimo. Riuscire a farli dubitare sarà impresa ardua, ma quella linea difensiva sempre così alta...

CASA ARSENAL
Per caso Unai Emery rispolvererà il 3-4-1-2? Spero di no, sinceramente.
Non è una questione tattica, perché difendere a cinque a casa del Liverpool non è un’eresia, quanto una questione d’immagine: arrivare ad Anfield con il 4-3-3 vorrebbe dir loro ”non abbiamo paura” e dimostrare di voler giocare il proprio calcio a prescindere dall’avversario.
L’infermeria si è svuotata ulteriormente con il rientro a pieno regime di Mesut Özil e Granit Xhaka, tuttavia Unai Emery ha confermato che entrambi restano in dubbio per la trasferta di Liverpool; se per il tedesco l’assenza è quasi scontata, lo svizzero ha qualche possibilità in più - a chi toccherà però fargli spazio? Difficile bocciare uno tra Mattéo Guendouzi, Joe Willock e Dani Ceballos, tutti eccellenti contro il Burnley. Immagino che il piano sia sorprendere il Liverpool in contropiede, magari saltando a piedi pari il centrocampo con i palloni lunghi di David Luiz, ma a fare la differenza sarà la coordinazione tra difesa e centrocampo in fase di non possesso palla: se saremo bravi a restare stretti e compatti, allora avremo qualche possibilità di far male al Liverpool con la velocità di Pierre-Emerick Aubameyang e Nicolas Pépé.

LA FORMAZIONE
Come detto, la difesa a tre non è da escludere, tuttavia voglio essere ottimista e credere che Unai Emery dimostrerà di avere cojones, nel derby dei denti rifatti con Jurgen Klopp (e Firmino!). Se continuerà con la difesa a quattro, allora la formazione dovrebbe vedere solo un cambio, ovvero Nicolas Pépé dal primo minuto al posto di Reiss Nelson. Questi i probabili XI: Leno; Maitland-Niles, Sokratis, David Luiz, Monreal; Guendouzi, Willock, Ceballos; Pépé, Aubameyang, Lacazette.

A disposizione: Martínez, Chambers, Kolašinac, Torreira, Xhaka, Mkhitaryan, Nelson.

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti