20 dicembre 2019


Mikel Arteta è il nuovo allenatore dell'Arsenal.
Dopo un tira e molla durato un anno e mezzo, il basco torna all'Emirates Stadium e inizia così la sua carriera da allenatore, dopo l'apprendistato sotto l'ala protettrice di Pep Guardiola.
Una scelta coraggiosa, arrivata in un momento particolarmente difficile, che rende la nomina di Mikel Arteta un argomento scottante: un azzardo o un'ottima intuizione?
In un mio pezzo di qualche settimana fa, ho raccontato di come vorrei un allenatore in grado d'ispirare sia i giocatori che i tifosi, un federatore; un innovatore che possa rendere l'Arsenal un Club di nuovo appetibile, dopo il declino degli ultimi anni; un trascinatore che riporti un senso di orgoglio e appartenenza, sentimenti ora lontani.

Mikel Arteta può essere tutto questo? Difficile a dirsi ed è per questo che ho preferito chiederlo alla redazione - vediamo che ne pensa Mirko:

Perché Mikel Arteta sarà un successo?
Sarà un successo perché ha studiato da uno dei più grandi, e se è stato scelto da uno come Pep un motivo ci sarà. Molto probabilmente tenterà di imitare il gioco dei citizen, e se i giocatori capiranno fin da subito i meccanismi, le possibilità di vedere un Arsenal bella e vincente sono tante.

Perché Mikel Arteta sarà un fallimento totale?
Perché un gioco così ben ragionato e schematizzato ha bisogno di tempo prima di essere inculcato. L’Arsenal ha bisogno di risultati nell'immediato e il tempo per raddrizzare i binari è veramente poco.

Puoi dare un consiglio a Mikel Arteta, solo uno. Qual è?
Di provarci nonostante le difficoltà che potrebbero sopraggiungere durante il suo percorso. Dall'esterno la vivo come un'avventura rischiosa per lui e per l'Arsenal, ma che potrebbe contenere una bella sorpresa.

Chi diventerà intoccabile? Chi finirà nel dimenticatoio?
Se dovesse giocare con le metodologie di Pep, vedrei molto bene Xhaka, che andrebbe ad occupare la posizione davanti alla difesa, una simile copia del lavoro che sta svolgendo Rodri per il City. Secondo me troverà meno spazio Mesut Ozil, che nonostante l'alto bagaglio tecnico, la scarsa quantità in termine di voglia e corsa lo costringeranno ai margini del progetto.

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti