giovedì 25 giugno 2020

Per fortuna o purtroppo si torna in campo.

Questa sera saremo di scena al St. Mary’s Stadium di Southampton, dove affronteremo un avversario che è riuscito a riprendere le operazioni nel modo migliore possibile. Per fortuna si torna in campo, così potremo parlare d’altro che del rinnovo di David Luiz, degli acquisti a titolo definitivo di Cédric Soares e Pablo Marí e della permanenza, temporanea, di Dani Ceballos; purtroppo di torna in campo, il che significa che dobbiamo verosimilmente prepararci ad un’altra serata di passione e sofferenza.

A meno d’improvvisi cambi di condizione e umore da parte dei giocatori, la partita di stasera sarà simile a quella di Brighton, quindi laboriosa e forse deludente. Prepariamoci.

L’AVVERSARIO

I Saints hanno facilmente sconfitto il derelitto Norwich a Carrow Road grazie all’ottimo lavoro sulle fasce di Armstrong e Redmond, finalizzato in maniera impeccabile dal rinato Ings, che quest’anno ha ritrovato quella brillantezza che lo aveva portato al Liverpool.

Abitualmente schierati con un 4-4-2, gli uomini di Hasenhütll hanno nel centrocampo il proprio punto di forza, un reparto perfettamente bilanciato tra forza, tecnica e combattività grazie a Hojbjerg - uno dei centrocampisti più sottovalutati del campionato - e Ward-Prowse.

Sugli esterni, la velocità di Redmond e Armstrong permette al Southampton di attaccare con quattro uomini, che diventano sei quando gli esterni convergono verso il centro e i terzini attaccano gli spazi lasciati liberi dai compagni.

Incredibilmente, il Southampton ha vinto solo 4 delle 15 partite disputate al St. Mary’s Stadium ma, nelle condizioni attuali, parte comunque favorito questa sera.

CASA ARSENAL

Le operazioni di mercato concluse dal Club con David Luiz, Cédric Soares, Dani Ceballos e Pablo Marí hanno occupato le pagine dei giornali e soprattutto i social media, mettendo in secondo piano la partita di stasera al St. Mary’s Stadium di Southampton, la terza trasferta consecutiva dopo quelle di Manchester e Brighton.


Le sconfitte contro City e Brighton hanno compromesso le ambizioni europee della squadra, che oggi si trova in un limbo dal quale sarà difficile uscire; impossibile non pensare già alla prossima stagione, a chi resterà e chi verrà ceduto, a chi arriverà per rinforzare una squadra disperatamente bisognosa di qualità e personalità.

Restano però otto partite da giocare e, per quanto insignificanti a livello di classifica, l’Arsenal non può permettersi una caduta libera: una reazione d’orgoglio s’impone, non fosse altro che per amor proprio da parte dei giocatori e per difendere quel che rimane del prestigio del Club.

LA FORMAZIONE

L’infortunio occorso a Bernd Leno in occasione della partita contro il Brighton si è rivelato meno grave del previsto, tuttavia il tedesco ne avrà per oltre un mese e quindi non dovrebbe più scendere in campo, questa stagione. Un’occasione perfetta per l’eterno secondo Emi Martínez, che avrà a disposizione otto partite per dimostrare di meritare un posto in squadra e competere davvero con Bernd Leno per la maglia da titolare.

Recuperati Granit Xhaka e Sokratis, Mikel Arteta deve però fare i conti con un altro brutto infortunio, capitato a Gabriel Martinelli: l’attaccante brasiliano rischia di restare fermo parecchi mesi a causa di un problema al ginocchio.

Si attendono conferme circa l’entità dell’infortunio ma, come Bernd Leno e Pablo Marí, Gabriel Martinelli non scenderà più in campo per la stagione 2019/20.

Rispetto alla formazione titolare vista all’AMEX Stadium, Mikel Arteta dovrebbe effettuare qualche cambio principalmente per far rifiatare alcuni elementi: Kieran Tierney al posto di Sead Kolašinac, Eddie Nketiah al posto di Alexandre Lacazette e Ainsley Maitland-Niles per Héctor Bellerín.

Questi i possibili XI che scenderanno in campo stasera contro il Southampton: Martínez, Maitland-Niles, Mustafi, Holding, Tierney, Guendouzi, Ceballos, Saka, Aubameyang, Pépé, Nketiah.

A disposizione: Macey, Sokratis, Bellerín, Kolašinac, Xhaka, Willock, Özil, Nelson, Lacazette.

@ClockEndItalia

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti