04 novembre 2020

Copertina, cioccolata e “Chi l’ha visto?”, salvo impegni calcistici (Arsenal) questo è il mercoledì sera della Marti.

Eppure non sempre le cose vanno come previsto, capita infatti che la tua squadra giochi di mercoledì sera, la competizione è la Continental Cup ma la partita non viene trasmessa.

Visto il giorno della settimana non ho certo problemi ad organizzarmi la serata ma c’è un senso di fastidio che non accenna ad andar via.

Ricordate il derby contro il Chelsea di qualche settimana fa? Il fastidio è esploso proprio alla vigilia di quella partita tanto che decisi di spendere parte del mio pomeriggio libero alla ricerca di una risposta alla domanda che mi tormentava: perché? Perché non trasmettere una partita che, a prescindere dalla competizione, ha un grande valore per i tifosi? Vi confesso che se potessi tornare indietro impiegherei quel tempo ad insegnare al mio cane come si miagola.

Scaricabarile tra federazione e società, guerra tra giganti dell’industria degli pneumatici (si avete letto bene!), giornalisti a cui viene impedito di girare brevi video… ne ho lette veramente di tutti i colori. La verità è che per raggiungere la parità tra calcio femminile e maschile la strada è ancora molto lunga. Ma andiamo con ordine: La FA ha comunicato che trasmetterà le gare dalle semifinali in poi quindi è compito delle singole società organizzarsi per lo streaming, il Chelsea (che gioca in casa) ha fatto sapere che possono offrire ai propri tifosi solo un limitato numero di partite in streaming e lo ha destinato ai prossimi impegni delle Blues in Champions.

Il senso non riesco a trovarlo però sono disposta ad accettare la decisione salvo poi scoprire (sempre da fonti vicine al Chelsea) che il vero motivo è forse un altro e riguarderebbe lo sponsor della competizione (Continental) e Yokohama (ex sponsor del Chelsea). Mi sfugge il motivo per cui la casa giapponese continui ad aver voce in capitolo negli affari del club londinese… ma il fatto che lo scorso anno avevano chiaramente espresso la loro contrarietà alla promozione del calcio femminile qualche pregiudizio sul loro conto me lo fa venire.

Chelsea vs Arsenal è stata però solo la prima puntata di una serie che non ci appassiona per niente. Il secondo episodio va in onda questo mercoledì sera, il titolo è London City Lionesses vs Arsenal, la trama nessuna copertura né streaming né televisiva. La motivazione in questo caso penso vada ricercata nell’impossibilità del club di casa di offrire un servizio video. E quando sarà l’Arsenal a giocare in casa? Le partite in casa verranno trasmesse sul sito come avveniva lo scorso anno per la Champions League? Onestamente non mi sento ancora pronta a scoprire la risposta.

LA FORMAZIONE

Dalla sosta per le nazionali le nostre ragazze sembrano essere tornate tutte sane e salve mentre coloro che sono rimaste a casa hanno avuto modo di lavorare per recuperare dai rispettivi infortuni. Tornano ad allenarsi con la squadra Captain Little, Jill Roord, Leonie Maier e Fran Stenson, ancora lavoro differenziato invece per Jordan Nobbs, Noelle Maritz, Steph Catley e Lisa Evans.

Trattandosi di Continental Cup è lecito aspettarsi che Joe Montemurro offra ad alcune delle nostre giovanissime la possibilità di mettersi in mostra affiancate da qualche titolare tra cui per la prima volta potrebbe figurare il nome di Lydia Williams.

Questi i possibili IX in campo contro le London City Lionesses, stasera: Williams, Wubben-Moy, Williamson, Beattie, McCabe, Gut, Wälti, Mace, van de Donk, Mead, Foord

A disposizione: Zinsberger, Maier, Schnaderbeck, Little, Roord, Denton, Miedema

@MartiGunner

Nessun commento:

Posta un commento

I Vostri Commenti